Figlia di Carlo Urbani ammazzata da spacciatore siriano agli arresti domiciliari

Vox
Condividi!

Un’altra ragazza italiana ammazzata da uno spacciatore con il permesso umanitario. Il padre doveva pensare meno a salvare il mondo e più ai propri figli. Oggi sarebbe vivo lui e viva lei. Il ‘mondo’ non merita il vostro sacrificio.

E’ stato iscritto nel registro degli indagati il pusher siriano nel cui appartamento è stata trovata morta sabato scorso Maddalena Urbani, la figlia ventunenne del medico-eroe Carlo Urbani che per primo isolò il virus della Sars.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel fascicolo, coordinato dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia, si procede per l’ipotesi di morte come conseguenza di altro reato. Questa mattina, intanto, la procura ha conferito l’incarico per l’autopsia che verrà eseguita domani presso il Policlinico Gemelli. Sono stati disposti inoltri gli esami tossicologici.

Vox

La ragazza è stata trovata morta sabato nell’abitazione in zona Cassia dove il siriano era agli arresti domiciliari per droga. L’uomo domenica è stato poi arrestato dalla Polizia per detenzione di sostanza stupefacente.

Abbiamo immigrati in fuga dalla Siria, magari arrivati qui con i famigerati ‘corridoi umanitari’ di Sant’Egidio che vengono messi ai domiciliari per spaccio di droga. Uno spacciatore ai domiciliari. Solo in Italia. E lui, ovviamente, ha continuato a spacciare da casa, in ‘smart working’.




2 pensieri su “Figlia di Carlo Urbani ammazzata da spacciatore siriano agli arresti domiciliari”

  1. il padre le ha dato il buon esempio, di frequentare ed aiutare negri meticci, indiani e pakistani, adesso ha raccolto i suoi perlibati frutti!….. di che si lamentano !!!???

I commenti sono chiusi.