Un villaggio di 50 casette per ospitare i clandestini positivi: pagate voi

Condividi!

Un vero e proprio villaggio con tutti i confort all’interno dell’ex centro di accoglienza per richiedenti asilo di Borgo Mezzanone, a una decina di chilometri da Foggia.

Lo ha allestito, a spese dei contribuenti, la Protezione Civile pugliese e consta di 50 casette: “allo scopo di gestire i casi di positività sia tra i migranti che alloggiano nella struttura di accoglienza sia tra il migliaio di persone che sono ospiti nella baraccopoli dell’ex pista di Borgo Mezzanone. Inoltre, troveranno posto anche i familiari sottoposti a quarantena fiduciaria e migranti di altri campi della provincia che dovessero averne bisogno”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Pazzesco. Invece di rimpatriare gli abusivi realizzano accanto alla baraccopoli un villaggio di 50 casette tutte per loro. Siamo in balia di uno Stato ormai più criminale delle mafie che opera al di fuori della legalità.

All’interno della struttura ci sono anche dei moduli abitativi nei quali gli operatori della Asl di Foggia effettuano i tamponi ed è presente anche una postazione del 118. La gestione logistica del nuovo campo è stata affidata alla Federazione delle Misericordie di Puglia dalla Protezione Civile regionale. Ovviamente dietro compenso.

“Questo campo Covid – dice tal Gianfranco Gilardi, presidente della Federazione – è uno strumento essenziale anche per prevenire possibili focolai anche all’esterno dell’area dell’ex pista e dell’ex Cara di Borgo Mezzanone”.

I ‘volontari’ prestano servizio 24 ore al giorno dando assistenza ai migranti che vivono nella ex pista.

Una situazione quella dell’insediamento abusivo di non facile controllo dal punto di vista sanitario visto il continuo via vai di chi è ospitato anche in questo periodo con la chiusura delle frontiere. Nel ghetto dal 2018 opera Intersos l’organizzazione umanitaria italiana in prima linea nelle gravi emergenze che ha sulla ex pista il suo centro con due medici, due operatrici socio sanitarie e quattro mediatori culturali. Un’ organizzazione umanitaria che offre assistenza sanitaria e mette in contatto i migranti e i servizi del territorio. Un’assistenza sanitaria, nonostante le difficoltà dovute alla numerosa presenza di migranti nel campo, che soprattutto nell’emergenza del Covid si è dimostrata importantissima”.

Sono fuori controllo.




5 pensieri su “Un villaggio di 50 casette per ospitare i clandestini positivi: pagate voi”

  1. Finchè non si porterà dinnanzi agli occhi dei cittadini (non di queste MERDE, che sanno già come stanno le cose, essendo tra i complici dell’importazione dei negri) i retroscena della tratta, tutto ciò non avrà mai fine e questi BASTARDI continueranno a fare questo e altro, forti della disinformazione sparsa dai loro complici che vorrebbe far capire che si tratti di boveri negri berseguidadi, anzichè di CAROGNE consenzienti a farsi portare in Italia per venire a rompere i coglioni al cittadino onesto e far “guadagnare” soldoni (NOSTRI) ai CRIMINALI che ci lucrano. E affinchè ciò avvenga è necessario che qualcuno faccia indagini nei luoghi dove radunano questi CESSI per poi spedirceli qua su ordinazione. Un bel filmone mandato in rete, e vediamo se i “giudici” diranno ancora che “ci vogliono le prove”, anche se dubito che servirebbe comunque, considerato che siamo nell’epoca sovvertita dell’inganno e della truffa globale, che verrà mano solo quando gli INFAMI che reggono le fila di tutto verranno ELIMINATI. Ma è sempre meglio provarci anzichè continuare lo stillicidio delle spigolature che non hanno altro effetto fuorchè far incazzare noi e far gridare al “complottismo” i CRIMINALI sinistronzi e i loro degni elettori.

  2. Che schifo.
    Allestiscono 50 casette per accogliere gli immigrati quando molti italiani non arrivano a fine mese.
    Gli si offre di tutto e di più a questi clandestini e inoltre questi stronzi possono fare tutto il cazzo che vogliono come spacciare, violentare donne, sporcare l’ambiente circostante di immondizia e anche imporre la loro sporca cultura Islamica. Questi mostri possono fare quello che vogliono tanto, visto che la giustizia italiana li difende a tutti i costi.

  3. Ai terremotati containers e monolocali microscoluci dopo mesi in tenda, protezione civile figli di troia vanno sciolti e ingabbiati a vita!!!Merde, soccorritori di sta minkia, bastardi!!!!Fate schifo al cazzo rottinculo arancioni di merda!!!!

Lascia un commento