Vietato spostarsi tra regioni ma arrivano spacciatori africani in aereo dalla Nigeria

Vox
Condividi!

Aveva ingerito un centinaio di ovuli, fra eroina e cocaina, un uomo arrestato all’aeroporto Marconi di Bologna. È un trentenne di origine camerunense, smascherato da Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane.

In arrivo dalla Nigeria, al momento dei controlli ha manifestato segnali di nervosismo che hanno indotto militari e funzionari a svolgere accertamenti più approfonditi. Non aveva droga nel bagaglio, ma è stato accompagnato all’ospedale Sant’Orsola per gli esami radiologici previsti in questi casi, che hanno confermato i sospetti: nell’intestino c’erano numerosi corpi estranei. È bastato aspettare per scoprire che si trattava di ovuli il cui contenuto, dopo i test, è risultato essere eroina per alcuni e cocaina per altri. In tutto circa un chilo e mezzo.

Immessa sul mercato, secondo stime degli investigatori, la droga sequestrata avrebbe fruttato tra i 100 e i 120.000 euro.

Vox

E’ anormale che non ci si mossa muovere da una regione italiana all’altra ma si possa andare e venire dall’Africa. Con varianti africane incluse.

Già in condizioni normali non dovrebbe arrivare nessuno, visto che non esistono turisti nigeriani. E possiamo fare a meno degli spacciatori alla Oseghale.

Per quanto riguarda ogni corriere come questo: un tappo in bocca e l’altro nel culo. E poi ci si gode lo spettacolo. Oppure metodo Duterte, che è più sbrigativo per il recupero della droga.




3 pensieri su “Vietato spostarsi tra regioni ma arrivano spacciatori africani in aereo dalla Nigeria”

  1. Se non li caga nel giro di qualche ora ci pensano loro ad aprirlo con il machete ed estrarre le”uova”…..

I commenti sono chiusi.