Gregoretti, Salvini è tornato: “Ho fatto il mio dovere, fermeremo le ONG”

Condividi!

“Io ho fatto solo il mio dovere, salvando vite umane. Ora il governo Draghi si impegni a controllare chi entra ed esce in Italia”. Sono da poco passate le 13 quando Matteo Salvini, indossando la mascherina tricolore con il simbolo della Lega, lascia l’aula bunker del carcere Bicocca di Catania. Accanto a lui c’è, come sempre, l’avvocato Giulia Bongiorno. E’ appena terminata la quinta udienza preliminare del procedimento che vede l’ex ministro dell’Interno sotto accusa per sequestro di persona per la vicenda della nave Gregoretti. Il gup del Tribunale di Catania Nunzio Sarpietro alla fine dell’udienza ha fatto sapere che la decisione sarà presa il 14 maggio. O il rinvio a giudizio del leader della Lega oppure il non luogo a procedere, come chiede la stessa Procura di Catania. Oggi è stato ascoltato per più di due ore l’ambasciatore Maurizio Massari. Per la difesa di Salvini è stata una testimonianza “molto efficace”. E il leader della Lega aggiunge: “L’ambasciatore ha detto che quello che ho fatto io è stato fatto prima ed è stato fatto dopo. Anzi, grazie a quello che ho fatto io si sono dati una sveglia. Ci rivedremo il 10 aprile e poi si chiude il 14 maggio”.

VERIFICA LA NOTIZIA

E a chi gli chiede un pronostico si limita a dire: “Ma non faccio pronostici, continuo a ritenere di aver fatto il mio dovere e di avere salvato vite umane”. Però lancia un messaggio al premier: “Il governo Draghi si dovrà impegnare e concentrare sul controllo di chi entra e di chi esce in Italia, perché all’emergenza economica si somma quella sanitaria”. E come si potranno conciliare le divergenze tra la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e il sottosegretario leghista Nicola Molteni, tra gli ideatori dei decreti Sicurezza? “Le risolveremo con il Presidente Draghi, tra persone serie e concrete”, taglia corto Salvini. E aggiunge: “Non ho nessun dubbio che anche su questo fronte l’Italia farà dei passi avanti”.

Matteo Salvini, non ha parlato solo del suo procedimento. Il leader della Lega, a chi gli chiede un commento sulle inchieste aperte in Sicilia sullo sbarco di migranti a bordo di imbarcazioni di Ong, ha annunciato sibillino: “Questo è solo l’inizio…”, poi uscendo dal bunker ha spiegato: “Ci sono tanti fascicoli aperti che parlano di traffico di esseri umani organizzato a pagamento. Ringrazio le procure di Ragusa e Trapani che in questo momento sono più avanti, ma penso che da Agrigento a Catania, e in tante altre realtà, si evidenzierà il fatto che il traffico di esseri umani è organizzato e finanziato. Siamo solo all’inizio. Lascio ai giudici il loro lavoro”.




9 pensieri su “Gregoretti, Salvini è tornato: “Ho fatto il mio dovere, fermeremo le ONG””

  1. Non basta certo qualche dichiarazione, le ong vanno sistemate militarmente e tutti i bastardi coinvolti nell’invasione dei negri condannati a morte x alto tradimento.
    Stingergli le mani?Si, nella pressa.
    L’opposizione non scende a compromessi, non é educata, non tratta.

  2. Braooo Matteo…fai valere la tua abilità e capacità che altri non hanno avuto.
    Nella vita ci vuole coraggio e questa virtù, ti appartiene pienamente.
    Avanti sempre…tegna dür!

    1. “Braooo Matteo…fai valere la tua abilità e capacità che altri non hanno avuto. Nella vita ci vuole coraggio e questa virtù, ti appartiene pienamente.” UAUAUAAAUAUAUAAAAAAHHAHAHAHHAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!…

Lascia un commento