RECORD DI SBARCHI, 5.306 IN 2 MESI MA CASARINI: “TROPPO POCHI”, SO SOLDI

Condividi!

Drammatico flusso migratorio verso l’Italia in questi primi due mesi dell’anno: ad oggi sono 5.306 gli invasori sbarcati dall’1 gennaio, secondo i dati del Viminale; più del doppio rispetto alle 2.553 registrate nello stesso periodo dello scorso anno e oltre venti volte gli sbarchi del 2019. Il grosso degli arrivi (3.896) a febbraio.

VERIFICA LA NOTIZIA

Fortunatamente c’è la Guardia Costiera libica. Dall’inizio dell’anno all’1 marzo sono 4.029 i clandestini intercettati e ricondotti indietro. Tunisini i più numerosi tra gli sbarcati del 2020 (745), seguiti da ivoriani (597) e guineiani (461). I minori non accompagnati sono stati finora 493. Clienti d’oro per le coop del Pd.

Ma leggiamo come i trafficanti umanitari di Casarini danno conto della cosa e come, vergognosamente, fa loro da megafono l’Ansa, quella del ‘canale di Sicilia’ in Libia:

Mediterranea saving humans dà conto anche di un “allarmante aumento dei respingimenti operati in Libia dalla cosiddetta Guardia Costiera. Dall’inizio dell’anno all’1 marzo sono 4.029 le persone intercettate e ricondotte in arbitraria detenzione, 222 minori: almeno 142 i dispersi e 28 corpi restituiti dal mare”. La ong invoca “un patto fra le istituzioni e la società civile (sino ad oggi criminalizzata per atti di solidarietà) affinché, in linea con gli obblighi internazionali, venga regolamentato il diritto/dovere di salvare queste donne, uomini e bambini alla deriva, indipendentemente dalla loro nazionalità e dello status giuridico ad essi conferito”.

So soldi:

LA NAVE DELLA SINISTRA SI FA DARE SOLDI PER IMBARCARE CLANDESTINI: TRAGHETTARLI IN ITALIA RENDE PIU’ DELLA DROGA




3 pensieri su “RECORD DI SBARCHI, 5.306 IN 2 MESI MA CASARINI: “TROPPO POCHI”, SO SOLDI”

  1. Ce ne facciamo ben poco della guardia costiera libica se consideriamo che negli ultimi quattro anni l’Italia ha regalato alla Libia quasi un miliardo di euro per fermare i clandestini.

Lascia un commento