Italiani alla fame: 350mila euro per la settimana dell’antirazzismo, le coop indagate incassano

Condividi!

Imprese senza ristori, famiglie in ginocchio, ma il governo foraggia migranti e il business dell’antirazzismo.

Lo denuncia, in due post pubblicati sulla propria pagina Facebook, il leader di Fratelli d’Italia: «dopo aver elargito 400.000 euro per foraggiare le ricorrenze della fondazione del Pci, apprendiamo oggi dal quotidiano La Verità che la presidenza del Consiglio – attraverso l’Unar – ha pubblicato il decreto per spendere ben 350mila euro per la “Settimana di azione contro il razzismo”».

FONDI PUBBLICI ALLA COOP INDAGATA CHE HA FORNITO PROFUGHI AL PD PER FESTE UNITA’

Non solo. Oltre al danno, la Meloni segnala anche la beffa. E infatti, nel suo post prosegue: «Apprendiamo che tra le associazioni destinatarie di questi soldi (per il presunto antirazzismo, ndr) ci sarebbe anche una realtà al centro di indagini della Procura bergamasca per gestione indebita di fondi pubblici per l’accoglienza». E così, «mentre le imprese chiudono – scrive la presidente di Fdi -. Le famiglie sono in ginocchio e i ristori non arrivano, le priorità di chi è a Palazzo Chigi sono sempre le stesse. Tutto cambia per non cambiare nulla», conclude amaramente Giorgia Meloni.




2 pensieri su “Italiani alla fame: 350mila euro per la settimana dell’antirazzismo, le coop indagate incassano”

Lascia un commento