BIMBA DISABILE STUPRATA DA ESTRANEO CHE IRROMPE IN CASA: TROVATA IN UN LAGO DI SANGUE

Condividi!

Un’ora in balia dell’estraneo nella sua cameretta.

VERIFICA LA NOTIZIA

Abusata ripetutamente nella stanzetta della casa che divide con la mamma senza potere e riuscire  chiedere aiuto. E’ accaduto nei giorni scorsi, ma la notizia è trapelata solo il 28 febbraio nel fitto velo di riserbo degli inquirenti.

Vittima dell’accaduto è una minorenne con disabilità psichica e in tutto il Savonese è scattata una massiccia caccia all’uomo.

L’orco sarebbe infatti fuggito a bordo di un veicolo del quale i carabinieri avrebbero solo sommarie descrizioni da parte di alcuni testimoni.

Molte persone sarebbero state ascoltate dai carabinieri e dalla procura, senza però trovare convergenza sul modello del veicolo ed altri particolari che possano portare ad un suo riconoscimento.

E’ stata la mamma della giovane abusata a dare l’allarme. Rientrata a casa dal lavoro la donna si è ritrovata di fronte ad una scena terribile. La sua piccola era nel letto, in un lago di sangue e soprattutto semincosciente. Trasportata in ospedale è stata curata ed i medici hanno diagnosticato le gravissime lesioni subite nella violenza.

Secondo le poche indiscrezioni, il violentatore sarebbe entrato nella casa della giovane approfittando dell’assenza della madre per lavoro. Un’ora di tempo per mettere a segno il suo terribile piano e fuggire indisturbato. Ma gli inquirenti stanno lavorando sodo per individuarlo e metterlo a disposizione della giustizia per scontare le conseguenze del suo gravissimo gesto.

Scontare? Un palo, una corda e via.




7 pensieri su “BIMBA DISABILE STUPRATA DA ESTRANEO CHE IRROMPE IN CASA: TROVATA IN UN LAGO DI SANGUE”

  1. Comunque strano…ha forzato x entrare?Perché la ragazzina se disabile era sola?
    La casa era tenuta d’occhio e si é trattato di un tentato furto virato in stupro?
    L’animale conosceva la vittima?
    Com’è che i testimoni discordano sul veicolo?
    Colore e tipo almeno dovrebbero coincidere…

  2. I vari Amnesty e Nessuno Tocchi Caino dovrebbero essere messi a tacere. La pena capitale va necessariamente introdotta nel nostro ordinamento per punire determinati crimini, specie se vittime sono i bambini.

Lascia un commento