A Pescara zona rossa non basta, varianti dilagano: verso lockdown

Condividi!

Non date retta a chi dice che il ‘Covid non esiste’, fin dall’inizio abbiamo preferito dire la verità piuttosto che acchiappare facili click, perché è in gioco la vita di tante persone. Certo, non è un virus – almeno fino ad adesso – particolarmente aggressivo, ma la mole di contagi rende la sua gestione complessa. Che poi ci sia chi non si lascia scappare una crisi per approfittarsene e reprimere le libertà di base, è chiaro, ma che sia tutto un complotto a cui partecipano milioni di medici e infermieri, è assurdo.

Nonostante la zona rossa vada avanti ormai da 15 giorni, con tutte le scuole chiuse, continua a peggiorare la situazione nel Pescarese, dove la variante inglese è responsabile del 70% dei contagi da coronavirus. In tilt, oggi, per l’ennesima giornata consecutiva, l’intera catena di gestione dell’emergenza, dal 118 al pronto soccorso, dove i pazienti, in attesa che si liberino posti letto nel Covid Hospital a Pescara, attendono anche due giorni nei locali trasformati in aree di degenza. “L’impatto è ancora altissimo: nonostante sia ancora presto per dirlo, l’impressione è che la zona rossa non stia funzionando come dovrebbe”, afferma il referente regionale per le emergenze, Alberto Albani.




10 pensieri su “A Pescara zona rossa non basta, varianti dilagano: verso lockdown”

  1. infatti sarebbe interessante capire
    come sono riusciti a creare tutta sta marea di negazionisti

    Gli stessi hanno la sola funzione di intorbidire le acque
    decentrare le vere questioni
    e peggiorare il problema

  2. Semplicissimo!Abbiamo la più bassa forma di vita al governo, esseri che pensano solo ed esclusivamente a se stessi e che possono rubare in ogni modo ergo non farebbero sbarcare i negri se esistesse una pandemia.
    I medici come tutti gli apparato statali e parastatalistanno con loro.

    1. sono morti 350 medici
      ed il 75% (300.000) dei medici ha fatto un vaccino non sperimentato
      sapendo bene dei rischi che cio comporta
      e che non avrebbero assolutamente fatto se non fossero terrorizzati dal virus

      I negazionisti sono stati creati con 2 personaggi
      uno e’ Stefano Montanari, che e’ un farmacista che prende 500.000 euro al mese di donazioni dai complottisti stupidi

      Un altro e’ Stefano Scoglio, che non e’ neanche un medico, ma un laureato in legge, che ha preso un titolo di studio come erborista
      e che e’ il titolare della Nutrigea, che ha bisogno di propagandare

        1. allora voi sapete che questo virus, non c’e solo in Italia
          ma in ogni parte del mondo, compreso paesi quali la Svizzera
          ove le cose funzionano in maniera completamente diversa dall’Italia?

          In Svizzera se vedono un negro per strada
          lo cacciano subito via
          Voi lo sapete questo?

          Ci sono anche leghisti in Svizzera che sono costretti a stare chiusi in casa, perche se escono in strada hanno problemi per mancanza di regolarita dei documenti.

          Quindi capite che in Svizzera non c’e da scherzare tanto
          e se questo virus fosse acqua fresca di montagna
          vi assicuro che non farebbero lo farebbero lo stesso casino che fanno in Italia.

  3. Tra chi nega il coronavirus da una parte, e chi lo teme paralizzato dall’altra, dovrà pur affermarsi l’opinione di chi crede alla pericolosità del l’epidemia, si, ma la ritiene al tempo stesso una formidabile occasione per svecchiare una popolazione anziana, malata e obesa. L’età media dei morti e’ 80 anni, l’età mediana dei morti e’ 82 anni, gli obesi vengono demoliti a tutte le età, ben venga il coronavirus.

  4. “Non date retta a chi dice che il ‘Covid non esiste’,” Certo, date invece “retta a chi dice”, come voi, che la presente situazione sanitaria è di tipo (VE POSSINO) “pandemico” (onde giustificata sarebbe l’immonda e pazzoide dittatura cui siamo sottoposti e tutte le infami – nonché perfettamente inutili – restrizioni delle libertà individuali che ne conseguono) e sicuramente conseguenza del “contagio” di un “virus”, il “Sars-COV-2”, che tuttavia nessun laboratorio ha mai isolato secondo il corretto procedimento scientifico. Continuate così, mi raccomando. Riceverete una carezza sulla glabra nuca, se non da Capitan Kippahfindus (che ormai pensa a tutt’altro), almeno dal dott. Crisant(em)i, da Proseccozaia, da SBeranża, dallo stesso KillGates e da Bahamasfontana – anche dal traghettatore infernale antileghista, in effetti, che ha l’identica vostra posizione – di legaioli.

  5. “Caronte”, traghettatore infernale velenoso e ballista, avevo una qualche vaga stima nei tuoi confronti. E’ scomparsa. Non solo non hai nessuna autorità intellettuale o etica che ti consenta i tuoi quotidiani improperi antileghisti, ma in più partecipi alla stessa disinformazione, sul fantacoid e sulla fantapandemia, di cui questa testata è voce. Dall’alto della tua ignoranza e biliosa malafede non sei neanche degno di nominare ricercatori come Montanari e Scoglio. E’ come se un misero scarafaggio pretendesse di far la voce grossa con un elefante. Tanti saluti.

Lascia un commento