Bloccano il traffico e assaltano autisti: “Di qui non si passa”, sinistra vieta di espellerli – VIDEO

Condividi!

Il video insieme ad un collega:

Questo immigrato, clandestino marocchino pericoloso, era stato cacciato e portato in un centro di espulsione mesi fa. Poi, ‘grazie’ alla sinistra era stato liberato. Ora, da ottobre è tornato a molestare i cittadini.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tor Pignattara ostaggio di ubriaconi molesti. “Nei mesi scorsi siamo intervenuti più volte a sostegno degli abitanti di Tor Pignattara e del Comitato presieduto da Paolo Antonilli, anche con ripetute richieste sia presso il Sindaco che presso il Prefetto e le forze dell’ordine, per denunciare che il quartiere è ostaggio di spacciatori, clandestini e degrado.

I cittadini sono esasperati da alcuni senza fissa dimora, tra cui il recidivo Mustafa che, dopo essere stato portato nel nord Italia, è ritornato più molesto di prima in quanto ubriaco h 24, insulta le persone ed ostacola il traffico rischiando continui incidenti oltre che la propria e l’altrui incolumità.

Nei prossimi giorni, anche con l’assistenza di un legale, verrà presentato l’ennesimo esposto alla Procura ed alle altre Autorità da parte degli abitanti della zona ai quali continueremo a dare il sostegno di Fratelli d’Italia.

La Raggi e le istituzioni a guida grillina si attivino immediatamente per tutelare i residenti e gli automobilisti poiché è veramente inaccettabile il disinteresse nei confronti di questo quartiere che è letteralmente abbandonato”. Lo dichiarano gli esponenti di Fratelli d’Italia, Francesco Figliomeni, vice presidente dell’Assemblea Capitolina e Christian Belluzzo, consigliere del municipio V.

Beh, certo, con un esposto sarà tutto risolto.




3 pensieri su “Bloccano il traffico e assaltano autisti: “Di qui non si passa”, sinistra vieta di espellerli – VIDEO”

    1. Ci sarebbe un tizio che conosco, qui disperso in un micropaese delle colline vicine, che ti attacca il pc portatile alla centralina degli Iveco e gli fa lo stesso trattamento del customer care della BMW. Certo che, se ti beccano, parte una multa con troppi zeri.

      Consigli per gli acquisti: vi interessa un mezzo “usato”? La Francia ha politiche di tolleranza riguardo ai limitatori molto diverse rispetto a quelle italiane. Acquistare un camion usato “francese” vi potrebbe garantire fra i 94 ed i 95 Km/h “di base”.
      In più sono molto più avanti di noi con i parametri “Euro”, quindi a volte vendono mezzi che a noi paiono praticamente nuovi ma che da loro non sono più utilizzabili.

      Ricordatevi degli autotrasportatori nelle vostre preghiere: si guadagna sempre di meno perchè spuntano sempre nuovi stronzi con targa bulgara e soprattutto se non hai i documenti in regola non lavori. Quindi gli “Italiani” pagano, strapagano e subiscono. Mentre quelli che si sono fatti la targa bulgara ti fanno “dumping” sulle tariffe.
      Ma su, sono grandi aziende, sono compagni: non vorrai mica dirgli qualcosa? E oltre ai compagni con targa bulgara adesso ci si mettono anche i magazzini degli spacciatori telematici di dubbia etnia. Che se non hai il giubbotto della marca che vogliono loro non entri a scaricare. “Ah, sì? E chi la vende questa merda? – Ma solo noi, of course…”

      1. Vero, senza contare gli stronzi che ti addebitano il facchinaggio se il camion ritarda fottendosene di tutte le variabili che l’autotrasporto affronta (incidenti, nevicate, guasti, scioperi…) e la pressione sui tempi che spinge alcuni a correre troppo con incidenti anche mortali, perdita del carico e del mezzo… e sono solo alcuni aspetti negativi.

Lascia un commento