L’ultima di Salvini: abbraccio a Delrio, il ministro dei porti aperti che difendeva gli stupratori pakistani e Rackete

Condividi!

Questa è sudditanza culturale, cercare l’accettazione del nemico. Patetico.

Noi lo conosciamo bene:

Il piddino che difese stupratori ora difende le Ong: “Assurdo multarle”

In Parlamento accusò Vox di avere leso i diritti degli stupratori pakistani, ci ‘difese’ un ottimo parlamentare leghista. Era un ‘periodo diverso’.




2 pensieri su “L’ultima di Salvini: abbraccio a Delrio, il ministro dei porti aperti che difendeva gli stupratori pakistani e Rackete”

Lascia un commento