Le televisioni di Berlusconi hanno devastato il Paese: bombardamento trash quotidiano

Condividi!

Il trash prodotto in questi decenni dalle televisioni di Berlusconi ha distrutto l’Italia nell’intimo. Un quotidiano bombardamento di immoralità e scemenza che ha abbassato le difese ‘immunitarie’ della nazione davanti all’orda progressista.

De Filippi, D’Urso e il Grande Fratello la punta di diamante di questo trash che, comunque, viene da lontano.




11 pensieri su “Le televisioni di Berlusconi hanno devastato il Paese: bombardamento trash quotidiano”

  1. Beh, calma…la d’urso, de filippi, grande fratello ecc. hanno un target di soggetti gia di x sé rincoglioniti, io guardando mediaset ci sono cresciuto ma guardavo telefilm, film, cartoni e il drive in.La rai manco la cagavo…
    Una volta davano programmi molto belli,poi hanno preso piede le merdate ma devono piacerti x seguirle altrimenti, come me, vai di streaming e scelgo io ogni sera.

  2. Se di per sé i tg RAI sono faziosi, dopo aver guardato una intera edizione del tg5, tra la solita propaganda e i servizi petalosi, poi viene voglia di uccidere qualcuno.😝
    Purtroppo c’è molto di peggio che sta prendendo piede tra le tv libere, come i canali Sky.
    Non dimentichiamo Netflix che per fortuna è ancora a pagamento.
    Io in differita guardo la TV Svizzera-Italiana dei bei tempi.

  3. Le televisioni di Berlusconi sono state un megafoni del pensiero liberalprogressista molto più della RAI. I contenuti spazzatura che trasmettono da 40 anni a questa parte sono stati in grado di manipolare i cervelli delle masse, già inebetite dal Sessantotto.

    1. Non capisco come Berlusconi che si considera sovranista, permetta che nelle sue televisioni vengano trasmessi film che incintano alla mescolanza razziale, parlo di scene in cui si vedono donne bianche con uomini neri, non mancano mai sui canali di Berlusconi.

      1. Perché non è né un conservatore né un sovranista, né un patriota. Lui di destra ha solo la visione economica liberista, ma sul piano culturale e ideologico è un progressista non meno di chi sta nella sinistra che lui dice di avversare. Pensa anche a quando è stato il patron del Milan. In 33 anni il numero di calciatori ne(g)ri ingaggiati è stato molto elevato, da Gullit a Rijkaard, da Desailly a Weah, passando per Vieira, Bogarde, Kluivert, Seedorf, Ba, Davids, e tanti altri.

  4. Potrà sembrare un’opinione eccessiva, ma sono dell’idea che la pornografia sessuale ordinaria (no perversioni, eccessi o violenze) sia MOLTO meno dannosa sulla (de)formazione delle menti rispetto a certe trasmissioni in fascia di massimo ascolto che spacciano ignoranza, stupidità, bassezza. A tratti nutro la stessa sensazione anche quando paragono certi “classici della scopata” con la media dei telegiornali, o con quella delle cosiddette “fiction”, che regolarmente “ti insegnano a vivere” in modo alquanto subdolo.

  5. A me non me ne frega un cazzo.Il televisore NON lo possiedo…Ho fatto l’autocertificazione,sono venuti a controllare perché lo stato fetente non si fida,e mi sono tolto dalla balle una scatola inutile.Vita più serena,meno rotture di minkia meno Barbarella.Ma sopratutto lo stato NON si prende i miei soldi del canone per mantenere 4 culi rotti.Fanculo.

Lascia un commento