“Grazie Allah per Covid”, niente carcere per l’islamico che ci voleva sgozzare

Condividi!

Ha patteggiato 2 anni, con sospensione condizionale e non menzione della pena, Nicola Ferrara, 39 anni, il convertito che venne arrestato nel luglio del 2020 per apologia e istigazione all’adesione allo Stato islamico per aver invaso la rete e i social con post, audio e video di propaganda per l’Isis.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il suo “odio per l’Occidente”, stando alle indagini dei carabinieri del Ros e dei pm Alberto Nobili, Piero Basilone e Leonardo Lesti, lo portava a dire, intercettato il 25 marzo dello scorso anno, quando in Italia morivano centinaia di persone al giorno e si era in pieno lockdown, che il Covid “è una cosa di Allah, una cosa positiva”, perché “la gente sta impazzendo” e per gli infedeli “tutto l’haram’ adesso è difficile farlo”, ossia sono stati tolti loro i “vizi”.

Il patteggiamento alla pena sospesa per l’uomo, nato in Puglia (da una decina d’anni a Milano dove lavorava in un parcheggio) e difeso dal legale Domenico Mandalari, è stato ratificato dal gup Livio Cristofano. Era finito in carcere (ora è libero) su ordinanza del gip Guido Salvini e avrebbe frequentato l’associazione culturale Al Nur di Milano, di orientamento sunnita, e due 17enni che pregavano nello stesso centro, ai quali avrebbe proposto le sue “tesi estremiste”.

Ferrara, che si faceva chiamare ‘Issa’ dal 2015, era anche stato per due volte in Qatar e una negli Emirati Arabi per “approfondire l’indottrinamento e trovare un modo per raggiungere l’Afghanistan”. Avrebbe anche fornito “assistenza economica” con tre vaglia, per un totale di 400 euro, a Ghassen Hammami detenuto nel carcere di Rossano Calabro e arrestato in un’indagine di Perugia. E usava la piattaforma ‘Soundcloud’ per brani nei quali risuonavano parole di questo genere: “Versate il sangue della sua giugulare”

Insomma, chi offende Boldrini sui social si becca sei mesi di carcere, il convertito che ci voleva sgozzare due anni ed è libero. Grandi, complimentoni.

I convertiti non sono un problema sociale, sono pochi disagiati mentali che possono fare danno al singolo ma non alla collettività. Il problema sono i milioni di immigrati islamici che ci siamo portati in casa e che dobbiamo rimandare a casa loro.

A handout frame made available by the Italian Carabinieri press office on 08 July taken from a video of the Carabinieri shows the interceptions of an anti-terrorism operation that led to the arrest of Nicola Ferrara, 38 years old originally from Bari for apology and instigation to join ISIS in Milan, 08 July 2020.
/ ROS CARABINIERI HO EDITORIAL USE ONLY NO SALES
A handout frame made available by the Italian Carabinieri press office on 08 July taken from a video of the Carabinieri shows the interceptions of an anti-terrorism operation that led to the arrest of Nicola Ferrara, 38 years old originally from Bari for apology and instigation to join ISIS in Milan, 08 July 2020.
/ ROS CARABINIERI HO EDITORIAL USE ONLY NO SALES
A handout frame made available by the Italian Carabinieri press office on 08 July taken from a video of the Carabinieri shows the interceptions of an anti-terrorism operation that led to the arrest of Nicola Ferrara, 38 years old originally from Bari for apology and instigation to join ISIS in Milan, 08 July 2020.
/ ROS CARABINIERI HO EDITORIAL USE ONLY NO SALES




4 pensieri su ““Grazie Allah per Covid”, niente carcere per l’islamico che ci voleva sgozzare”

  1. Ovviamente nessuno degli islamici moderati, si fa per dire, si scandalizza.
    Beh, cristianamente parlando “ogni cosa buona viene da Dio ed il male e le malattie da satana” quindi voi siete di satana.
    Più umanamente parlando, ma andate a 🚽💩

  2. Sul coronavirus ha ragione, che questo sia un castigo di Dio non ci possono essere dubbi: una malattia che risparmia i bambini, innocenti per definizione, e demolisce i superbi anziani peccatori cos’e’?

  3. Tra le notizie del giorno: pare che mattarella abbia accusato un malore pertanto non potrà andare a rendere omaggio alle salme dei due italiani uccisi in africa.
    2 connazionali uccisi dai negri non meritano l’attenzione del capo dello stato che per esimersi trova scuse alla caxxo.
    Il fatto che i 2 valessero… quello che hanno dimostrato di valere è un’altro discorso.

Lascia un commento