​Veronesi choc sulla Borgonzoni:”Nessun leghista adatto alla cultura”

Condividi!

Sandro Veronesi, membro del sinedrio degli intellò di sinistra attacca la Lega commentando il nuovo governo Draghi e l’ipotesi che Lucia Borgonzoni venga scelta per il ruolo di sottosegretario alla cultura (incarico che ha già ricoperto nel governo Lega-M5S).

Il presunto scrittore, vincitore del Premio Strega nel 2020 (ma sappiamo che questi premi sono autoreferenziali), afferma che “nessun leghista è adatto alla cultura”.

Le sue parole, pronunciate dopo un elogio di Dario Franceschini (lui sì “personaggio qualificato” secondo il piddino): “non credo si sia mai sentito un esponente della Lega parlare di cultura come una delle leve fondamentali del nostro paese: è per questo che forse non sarebbe il caso di far ricoprire questo ruolo ad un membro di tale partito”.

Se Platone sapesse di dover condividere il nomen di ‘intellettuale’ con Veronesi metterebbe mano alla pistola. La cosiddetta destra deve uscire dalla sudditanza culturale verso quel branco di deficienti che si fanno definire ‘intellettuali di sinistra’. L’intellettuale oggi è un parassita automa senza pensiero critico.




13 pensieri su “​Veronesi choc sulla Borgonzoni:”Nessun leghista adatto alla cultura””

  1. La Lega in effetti non ha una cultura. È la sinistra che invece ha un’anti-cultura di matrice marxista e marcusiana, e con essa esercita un’egemonia che dura da mezzo secolo.

    Quindi l’obiettivo da perseguire deve essere questo, proporre una cultura da contrapporre all’anti-cultura di sinistra, e che va sconfitta, perché è quella che ci sta facendo sparire come civiltà e come razza. Ma esiste forse una destra capace di fare ciò? Il berlusconismo, il salvinismo e il melonismo hanno un contenuto culturale? Penso che la risposta sia scontata.

      1. No no, al contrario. Perché come ho scritto nel mio commento, quella della sinistra non è cultura, è anti-cultura. Ma purtroppo, la destra di cultura ne è priva, e mostra una notevole sudditanza verso la sinistra.

  2. in effetti questo Veronesi non ha torto
    ha semplicemente cavalcato l’onda perche tutti sanno che i leghisti sono gli italiani piu stupidi e analfabeti
    ha dimenticato di dire pero che nella sinistra ci sono una marea di deficenti che non hanno poi, tanto da invidiare ad i leghisti

    Ovviamente dipende anche di quale sinistra parliamo
    perche se si prende i comunisti tipo Marco Rizzo
    allora li bisogna andarci piano

    L’elettorato di quest’ultimo, non ha nulla a che vedere con quello della Boldrini o i comuni leghisti

Lascia un commento