Spinge donna sotto il bus: “Muori, cagna bianca”, niente carcere

Condividi!

La quarantenne Amelia Doris aveva inseguito Linda Lancaster, una donna sulla sessantina, dopo la spesa perché l’aveva ‘urtata’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Prima l’aveva apostrofata così: “hai incontrato la donna sbagliata, cagna bianca”, spingendola a terra.

Doris poi si è appostata fuori dal supermercato in attesa di Lancaster, gridando “vedrai cosa succede quando esci” dal negozio.

Nonostante gli sforzi di Lancaster per evitare l’energumena, uscendo dal retro, Doris l’aveva inseguita e spinta sotto un autobus in arrivo. Che l’aveva investita.

Il giudice ha deciso di non condannarla al carcere perché non aveva precedenti. Solo sei mesi di cure mentali. Come vedete, l’Italia non è un unicum in Europa.

https://twitter.com/LBC/status/111091188433987993

Immaginate a parti invertite.




4 pensieri su “Spinge donna sotto il bus: “Muori, cagna bianca”, niente carcere”

Lascia un commento