ALLARME CONTAGIO: DECINE DI POSITIVI A BORDO ONG SPAGNOLA, SBARCATI IN SICILIA (21 SICURI)

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Dei 102 clandestini sbarcati oggi ad Augusta dalla Aita Mari, già 21 sono risultati positivi al Covid al termine dei primi controlli sanitari. I 102 erano stati prelevati in acque di competenza maltese.

Come disposto dai protocolli sanitari, dopo i tamponi i migranti sono stati trasferiti sulla nave di lusso Rhapsody che si trova ormeggiata ad Augusta. Sedici presunti minori non accompagnati, portati al centro di accoglienza di Pozzallo.

Che sono acqua fresca, perché ai clandestini che sbarcano fanno il tampone rapido. Con il tampone antigenico rapido, non si estrae RNA, ma si cerca l’antigene. La presenza del virus è rilevata tramite la reazione tra antigene (la Spike protein del virus) e anticorpo, che è presente all’interno del test.

Il tampone antigenico che ha una prestazione del 70%, ovvero su 10 positivi ne prende 7.

Per ovviare a questo difetto di sensibilità dei tamponi antigenici (che ricercano l’antigene rispetto ai tamponi molecolari che invece identificano l’Rna, ndr) gli antigenici dovrebbero essere fatti tutti quanti possibilmente nello stesso giorno e ripetuti dopo 5 giorni. Ovviamente, con i clandestini che sbarcano non accade.

Se si fa lo screening con gli antigenici una volta sola e per di più diluito nel tempo succede che si lascia il 30 per cento dei positivi con una capacità di moltiplicazione del virus.

Ergo, è molto probabile che 1/3 di chi sbarca e viene indicato come ‘negativo’ sia, in realtà, un falso negativo. Per non parlare del fatto che i test quasi certamente non individuano le varianti come quella africana.

Per due donne in gravidanza non è stato necessario il ricovero: vengono a partorire gratis.




Lascia un commento