Meloni, lezione a Boldrini: “Non chiedo provvedimenti per Gozzini”

Condividi!

“Ringrazio il ministro dell’Università, Maria Cristina Messa, e il rettore dell’Università di Siena, Francesco Frati, che questa mattina mi hanno chiamato per esprimermi la loro solidarietà. Sono grata al rettore Frati che, a nome dell’università, ha preso le distanze dagli insulti espressi nei mie confronti da un docente del suo ateneo”. Così la leader di Fdi Giorgia Meloni, interpellata dall’Adnkronos sul caso scoppiato per le offese che le ha rivolto Giovanni Gozzini, uno storico che insegna all’Università di Siena, nel corso della trasmissione ‘Bene bene Male male’ su Controradio.

“Sia al ministro che al rettore ho detto che non entro nel merito delle valutazioni che l’università di Siena vorrà fare, ma che personalmente non chiedo ci siano provvedimenti nei confronti del professor Gozzini. Mi basta che, una volta tanto, ci si sia trasversalmente resi conto della violenza che troppo spesso viene usata contro di noi, e contro di me. Stavolta la lezione, il professor Gozzini, invece di impartirla dovrebbe averla imparata”.

Non li avrebbero presi ugualmente, perché ‘loro’ possono. Ma i sovranisti devono essere differenti e non starnazzare di ‘hate speech’ e ‘sessismo’, altrimenti hanno già vinto ‘loro’.




4 pensieri su “Meloni, lezione a Boldrini: “Non chiedo provvedimenti per Gozzini””

  1. questa e’ piu furba del diavolo,
    sa bene che in questo modo raccoglie consensi, anche dai moderati

    le scimmie di destra non vanno oltre una certa percentuale
    gli conviene raccogliere quante piu possibili, anche tra i moderati
    di modo da canalizzarli
    e gestirli
    e non farli arrivare mai ad i caschi di banana

    1. Alla gente manca solo un rappresentante coraggioso.
      A te invece manca “comprensione”. Vai in giro fino a che puoi e “domanda alla gente”. Tutta.
      E poi fatti il tuo sondaggino, come faccio io.

Lascia un commento