Apartheid sanitaria in Israele: solo chi è vaccinato potrà girare libero

Condividi!

Vaccinati e guariti dal Covid-19 avranno più libertà di movimento in Israele. Il governo ha varato un piano di allentamento delle misure per contenere l’epidemia, piano che scatterà da domani. Saranno riaperte alcune scuole, negozi, centri commerciali e saranno applicate una serie di altre misure per allentare le restrizioni entrate in vigore con il terzo lockdown nazionale di Israele. Il piano include anche regolamenti separati per i luoghi che riapriranno a tutto il pubblico, compresi negozi, musei e biblioteche, e quelli che opereranno sotto i cosiddetti regolamenti Green Pass, aprendo le loro porte solo a persone che sono guarite dal Covid-19 o che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino. Con il Green Pass si accederà a luoghi di culto, eventi culturali, palestre, hotel e piscine.

VERIFICA LA NOTIZIA

In Israele i nuovi casi di Covid-19 sono calati del 95,8% fra i vaccinati che hanno ricevuto le due dosi del siero Pfizer, lo ha annunciato il ministero della salute. È stato analizzato il gruppo, 1,7 milioni di persone, che ha ricevuto entrambe le dosi da almeno due settimane. Il vaccino ha anche scongiurato nel 98% dei casi le infezioni che danno febbre e problemi respiratori; scongiurato anche il 98,9% dei ricoveri e dei decessi




3 pensieri su “Apartheid sanitaria in Israele: solo chi è vaccinato potrà girare libero”

Lascia un commento