Marocchino investe agente e passanti: incidenti a raffica

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA

Un anno di indagini. Si fa luce sui momenti di alta tensione nelle strade di Milano. La vicenda ha avuto molto risalto e adesso arriva l’accusa di tentato omicidio. La ricostruzione dei fatti: un giovane immigrato travolge un poliziotto con la sua auto. E gli provoca lo schiacciamento e la frattura della tibia. Durante la sua folle fuga dà vita a diversi incidenti e terrorizza automobilisti e pedoni. Gli agenti lo arrestato e ora deve rispondere all’accusa di tentato omicidio e lesioni aggravate.

L’immigrato marocchino è alla guida di una Renault. Gli agenti della volante gli intimano di fermarsi. Lui, invece, accelera. L’inseguimento va avanti per chilometri e rischia di avere conseguenze pesantissime. Infatti il giovane investe un poliziotto. Minuti di panico, i passanti sono impietriti, molti gli incidenti. Il giovane straniero abbandona la vettura lungo la Tangenziale Ovest e fa perdere le sue tracce. Le indagini, però, permettono di arrivare al responsabile in poco più di un anno,

Gli investigatori della settima sezione dell’Upg hanno notificato l’avviso di chiusura indagini ai cinque denunciati nell’inchiesta sul tentato omicidio di un poliziotto, avvenuto l’8 gennaio 2020. Quel giorno, per sottrarsi al controllo di una Volante, un venticinquenne pregiudicato marocchino era fuggito alla guida di una Renault Megane, dando vita a un pericoloso inseguimento iniziato in via Lorenteggio e proseguito sulla Nuova Vigevanese. Durante la fuga, l’uomo aveva scatenato il panico lungo le vie cittadine, causando diversi incidenti e investendo volutamente uno dei poliziotti che aveva tentato di fermarlo, riuscendo poi a far perdere le proprie tracce abbandonando l’auto lungo la Tangenziale Ovest.

Oltre al venticinquenne, già detenuto a Monza per spaccio, risultano indagati anche due commercianti d’auto, un ventenne milanese e un ventiduenne cuneese, accusati di sostituzione di persona in concorso per aver acquistato e poi ceduto la Megan con intestazione fittizia. Per sostituzione di persona in concorso, “avendo provveduto ad assicurare l’auto con intestazione fittizia”, è indagato invece un assicuratore milanese di 64 anni, mentre un altro commerciante d’auto, un quarantacinquenne di origine marocchina, è accusato di favoreggiamento personale, “per aver ceduto la Renault al venticinquenne e per aver compiuto atti finalizzati a eludere le investigazioni sul suo conto”.




2 pensieri su “Marocchino investe agente e passanti: incidenti a raffica”

  1. Vanno a scassare la minchia agli italiani con droni ed elicotteri in spiaggia, ma quando si tratta di abbattere queste sottospecie di diarrea musulmane, fanno di tutto per lasciarli fuggire, esempio norbert feher.

Lascia un commento