Variante africana in nido Milano: doveva chiudere le frontiere non i ristoranti

Condividi!

Ats Città Metropolitana di Milano ha individuato 2 casi Covid-19 di variante inglese nella scuola dell’infanzia di via Lope de Vega, a Milano, e una di variante sudafricana nel Nido, situato nella stessa via. Lo comunica la stessa Ats, spiegando che i casi Covid nella scuola dell’infanzia sono 17, di cui 2 di variante inglese (trovata in due educatrici).

VERIFICA LA NOTIZIA

Tutte le sezioni sono in isolamento e faranno un tampone molecolare a fine quarantena, compreso tutto il personale scolastico.

Nel Nido, invece, i casi sono 2. Una educatrice (con variante africana) e un bambino della stessa sezione. La sezione è in isolamento e farà il tampone molecolare di fine quarantena. È previsto il tampone molecolare per tutti gli altri bambini del nido e per tutto il personale.




Un pensiero su “Variante africana in nido Milano: doveva chiudere le frontiere non i ristoranti”

  1. “variante africana”, “tampone molecolare”… straballisti velinari indecenti!… a proposito, e di nuovo: quand’è che vi fate inoculare pure voi, finalmente, l'”acqua di fogna” del “vaccino”?… sono in trepida attesa.

Lascia un commento