Importavano droga grazie al reddito di cittadinanza: arrestati narcotrafficanti a Roma

Condividi!

I carichi illeciti giungevano in Italia – occultati tra pallet di verdura trasportati da autoarticolati – presso le sedi di due società romane operanti nel settore degli autotrasporti e del commercio di materiali edili, i cui titolari, mettevano a disposizione, dietro compenso, spazi e attrezzature per le operazioni di scarico.

Gli spacciatori custodivano la droga in vari luoghi, che cambiavano periodicamente. Scegliavano come nascondigli dei garage e degli appartamenti in condomini residenziali. Avevano individuato anche l’abitazione di un incensurato romano. Nel giardino, anche due ferocissimi pitbull a fare da guardia allo stupefacente.

Durante le indagini le fiamme gialle hanno arrestato in flagranza tre indagati. Hanno quindi sequestrato quasi 400 chili di hashish, oltre 120 chili di marijuana e circa 3 chili di cocaina. I trafficanti avevano approntato sofisticate attrezzature necessarie per allestire una serra indoor.

In un’occasione, nel tentativo di disfarsi della sostanza custodita in casa all’atto dell’intervento dei Finanzieri, hanno gettato la marijuana negli scarichi domestici. Un tentativo maldestro, che ha causato l’ostruzione delle tubature di un intero palazzo. La droga è sbucata, infatti, negli scarichi del bagno dei vicini. Un inquilino, allarmato, ha chiamato le forze dell’ordine per la strana sostanza verdastra che usciva dai lavandini.

La gang criminale si finanziava col reddito di cittadinanza– Inoltre, le informazioni acquisite mediante le intercettazioni e i riscontri operati in loco dalla Guardia Civil spagnola, hanno consentito di individuare e arrestare in Spagna, nel mese di marzo 2020, un latitante italiano. Successivamente estradato in Italia. Dagli approfondimenti svolti, infine, è emerso che 4 soggetti – oggi arrestati – percepivano, direttamente o in quanto inclusi nel nucleo familiare dei beneficiari, il “reddito di cittadinanza”, motivo per cui saranno interessati gli uffici dell’Inps per la sospensione/riduzione della misura di sostegno economico.




Lascia un commento