Migrante irrompe in casa mentre famiglia fa colazione: “Voglio sc*pare”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Condannato dopo cinque anni il somalo che nell’agosto del 2016 aveva fatto irruzione in una casa, con la cerniera dei pantaloni abbassata, mentre una famiglia svedese stava facendo colazione, intimando alla madre di famiglia, in presenza di una figlia piccola, di ‘scopare con lui’, perché ne aveva bisogno. Solo l’intervento del padre aveva evitato lo stupro.

Da allora la famiglia, una delle poche rimaste di autoctoni nel sobborgo di Tjarna Angar, definito ‘piccola Mogadiscio’, si è dovuta trasferire per il terrore.




11 pensieri su “Migrante irrompe in casa mentre famiglia fa colazione: “Voglio sc*pare””

    1. In Svezia? Col cazzo. Ci sono le ronde “antifassiste” dei comunistardi ebrei di Soros, là. Se vuoi cambiare la situazione, devi girare con mitra e lanciafiamme e iniziare a fare pulizia nei loro quartieri.

Lascia un commento