Africano rincorre nudo bimba di 4 anni: si masturba davanti alla ‘preda’

Condividi!

Pomeriggio da incubo per una bambina di 4 anni e sua mamma, ieri, a Garbagnate Milanese, in provincia di Milano.

VERIFICA LA NOTIZIA

Passeggiavano, quando si sono ritrovate davanti un immigrato, il solito africano che, appena le ha viste, si è denudato e ha iniziato a masturbarsi.

L’autore degli atti osceni, grazie alla denuncia della madre della bimba, è stato poi arrestato. Si tratta di un eritreo di 32 anni, senza fissa dimora, pregiudicato e irregolare sul nostro territorio nazionale.

L’episodio si è verificato in una zona e in un orario altamente sensibili: alle 16.30 nei pressi di un oratorio e di una scuola d’infanzia. La donna ha avuto la prontezza di fuggire e mettere se stessa e la figlia al riparo in un negozio, prima che l’africano portasse a compimento un qualche tipo di violenza.

Una volta al sicuro la donna ha chiamato subito i carabinieri, che sono intervenuti per arrestare l’eritreo, in flagranza di reato, per atti osceni in luogo pubblico. Reato depenalizzato dal governo Renzi.




11 pensieri su “Africano rincorre nudo bimba di 4 anni: si masturba davanti alla ‘preda’”

  1. Gli sfoghi che leggo qui sopra, per quanto comprensibili (visto il clima nel quale ci hanno gettati le nostre dirigenze), sono a mio avviso eccessivi.

    In modo più misurato mi limito a osservare che una soluzione potrebbe essere rivedere la legislazione in modo che permetta CON GARANZIA DI IMPUNITA’ (e un processo è esso stesso una intollerabile forma di pena) interventi energici da parte della vittima prima di tutto, e di chi fosse presente in secondo luogo. Eliminando pure il concetto di “eccesso di difesa”, perché troppo capzioso e possibile fonte di arbitrio da parte della parte giudicante.

    Ovviamente non si arriverà mai a nulla del genere, perché le dirigenze passate, attuali e future non sono certo disposte a cedere neppure in minima parte il potere che hanno sottratto negli anni a coloro che considerano ormai i loro sottoposti.

Lascia un commento