Foibe, i ‘partigiani’ gettavano il latte destinato ai bimbi italiani in fuga dagli slavi

Condividi!

Migliaia di italiani, fra cui donne e bambini, vennero massacrati dai comunisti titini solo perché italiani: pulizia etnica.

Nel dopoguerra, circa 350mila nostri connazionali furono costretti, sotto la minaccia di torture ed eccidi, ad abbandonare le loro terre. La nostra terra.

La sinistra italiana cominciò quindi una campagna d’odio nei confronti dei profughi, che perdurò per diversi anni e che, per certi versi, continua ancora adesso.

Ad esempio, i comunisti spalleggiati dai sindacalisti della Cgil, alla stazione ferroviaria di Bologna versavano a terra il latte per non darlo ai bambini, affamati e spaventati, costretti a lasciare le regioni istriane giuliano dalmate con le loro famiglie: una vergogna per troppo tempo dimenticata, soprattutto per colpa delle istituzioni. Che completarono poi il tradimento con il famigerato Trattato di Osimo.

Oggi non uccidono più i popoli attraverso il genocidio o l’esodo forzato. Li uccidono attraverso l’immigrazione: lo fa la Cina con il Tibet, lo fanno i nostri padroni in Italia. Resistere.




11 pensieri su “Foibe, i ‘partigiani’ gettavano il latte destinato ai bimbi italiani in fuga dagli slavi”

I commenti sono chiusi.