Draghi ha svenduto l’economia italiana agli stranieri: c’era anche lui sul Britannia nel ’92

Condividi!

Il 2 giugno 1992 l’ultima estate della Prima Repubblica non era ancora iniziata. Il panfilo della regina Elisabetta, Royal Yacht “Britannia”, era all’ancora nel porto di Civitavecchia, in attesa di imbarcare ospiti importanti per una minicrociera verso l’isola del Giglio. Ci sarebbero stati manicaretti per pranzo, gamberetti e costolette d’agnello preparati da chef d’eccezione. Ci sarebbe stato un po’ di spettacolo, con i parà inglesi che si lanciavano dagli aerei decollati da un incrociatore. Ci sarebbe stata musica d’epoca, rigorosamente anni ‘ 30. Ci sarebbero stati soprattutto discorsi destinati a cambiare la storia d’Italia. Su quel panfilo, in quella giornata di sole e mare, fu deciso di avviare la privatizzazione d’Italia. Di svenderla.

A bordo c’era anche lui, Mario Draghi.

Con lui il presidente di Bankitalia Ciampi e l’onnipresente Beniamino Andreatta, i due artefici del “divorzio” tra Bankitalia e Tesoro all’inizio degli anni ‘ 80, c’erano i vertici di Eni, Iri, Comit, Ina, le aziende di Stato e lepartecipate al gran completo. C’era, appunto, a introdurre il consesso, il direttore generale del Tesoro Mario Draghi. Fu lui a tenere la relazione introduttiva sui costi e i vantaggi delle privatizzazioni.

Si doveva svendere tutto, ce lo chiedeva l’Europa per entrare nella moneta unica. Lo Stato controllava treni, aerei e autostrade per intero, idem per acqua, elettricità e gas, l’ 80% del sistema bancario, l’intera telefonia, la Rai, porzioni consistenti della siderurgia e della chimica. I settori di partecipazione erano praterie sconfinate: assicurazioni, meccanica ed elettromeccanica, settore alimentare, impiantistica, fibre, vetro, pubblicità, supermercati, alberghi, agenzie di viaggio. Impiegava il 16% della forza lavoro nel Paese.

Vendere, o svendere, quel patrimonio, secondo i dettati della teoria economica imperante avrebbe raggiunto tre risultati: ridurre il debito pubblico che ammontava allora a 795 mld di euro, rendere più efficienti e competitivi i settori in via di privatizzazione, aumentare l’occupazione.

Si partì nel luglio 1993, con la vendita, o svendita, della prima tranche del gruppo SME, controllato dall’Iri. L’onore di aprire la strada toccò ai surgelati e ai dolci: Motta, Alemagna, Surgela più varie e molte eventuali. Se li aggiudicò la svizzera Nestlè.

Il breve governo Berlusconi, nel 1994, implicò una frenata che si prolungò fino al 1996: poi, con i governi Prodi e D’Alema, le dismissioni presero la ricorsa. Il gruppo IRI fu smembrato e messo in vendita: il ricavo immediato fu di 30 mld di vecchie lire, lievitati poi sino a 56mila e passa. Una cordata capitanata dagli Agnelli si aggiudicò Telecom. Ciampi, allora ministro del Tesoro, spiegò che serviva a impedire che Fiat vendesse all’americana General Motors. D’Alema, arrivato al governo alla fine del 1998 patrocinò il cedimento di Autostrade a Benetton, introducendo una delle principali specificità delle privatizzazioni all’italiana: la vendita allo stesso soggetto sia del servizio che delle infrastrutture, le autostrade e i caselli, Telecom e i cavi sui quali viaggia il segnale.

La dismissione è proseguita per una ventina d’anni, passando per le banche, quote di Enel ed Eni, il disastro di Alitalia. L’incasso è stato cospicuo: 127 mld di euro, una decina ricavata solo dalla vendita di immobili.

Risultato? Il debito pubblico non è stato risanato: si è triplicato. Il rilancio dell’occupazione ha proceduto all’indietro, con un milione di posti di lavoro persi. Il miraggio di creare “colossi italiani” è rimasto un miraggio proprio perché il tessuto produttivo italiano, fatto di piccole imprese, aveva bisogno dei colossi di Stato: pochi, ma buoni e in settori strategici.

Un esempio: oggi ci troviamo con centinaia di presunte compagnie elettriche con costi sempre più alti e servizi sempre più scarsi, quando avremmo dovuto averne una, pubblica, che forniva a imprese e cittadini energia elettrica al minore costo possibile. Perché ci sono settori strategici come banche ed energia che non devono essere privati. Non ha senso. Invece, in molti casi, li abbiamo svenduti agli stranieri.

Il principale vantaggio promesso ai consumatori, l’abbassamento dei prezzi conseguente alla competività delle aziende private sul mercato, è stato rapidamente affondato dalla tendenza delle aziende stesse ad accordarsi ricreando di fatto condizioni di monopolio, solo a condizioni più esose. E’ vero che spesso gli utili delle aziende privatizzate sono cresciuti e spesso di parecchio. Però, come segnalava nel 2010 la Corte dei Conti, in una valutazione complessiva del ventennio delle privatizzazioni, non per il miglioramento dei servizi e la loro conseguente maggior appetibilità: solo per l’aumento delle tariffe.

Le privatizzazioni italiane sono state un fallimento, una ruberia. E uno dei responsabili è Draghi. Governarci assieme è un tradimento.




6 pensieri su “Draghi ha svenduto l’economia italiana agli stranieri: c’era anche lui sul Britannia nel ’92”

  1. C’era lui e disse d’essersi sfilato… E c’era anche Grillo, quello che “non voleva incontrarlo” oggi… L’ha sempre negato, nonostante i testimoni (persino Mentana). Un pupazzo buffone.

    1. ricordano ricordano
      ma a loro interessa solo la propaganda

      Salvini avrebbe potuto anche andare in Africa ad organizzare i viaggi con i barconi, 10 anni fa
      o bombardare la Libia, di modo che poi questi se ne vengono tutti qui
      ma poi con la propaganda gli dice che solo in questo modo si puo fermare la deportazione dei negri
      e queste scimmie parlanti … le trovi tutte esilerate ad i comizi della Lega

Lascia un commento