Migrante aggredisce passanti e spacca il naso a poliziotta: pugni e schiaffi alla donna

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Solita violenza questa mattina in zona Torpignattara, a Roma, dove un extracomunitario ha aggredito una poliziotta.

L’immigrato stava lanciando oggetti contro i passanti, quando un cittadino ha chiamato la Polizia. Sul posto è subito intervenuta una pattuglia e i due agenti, un uomo e una donna, sono scesi dal veicolo per per provare a calmare lo straniero: ma alla loro vista l’extracomunitario si è scagliato contro la poliziotta, colpendola con un pugno al viso e schiaffi.

Sul posto sono così arrivate altre pattuglie per aiutare i due agenti e bloccare l’immigrato che è stato arrestato con l’accusa di resistenza, minacce e lesioni a Pubblico Ufficiale. La poliziotta aggredita, invece, è stata trasportata al Policlinico Umberto I ed è in attesa di fare una tac per una sospetta frattura al setto nasale.

Per arrestare un criminale immigrato ci vogliono diverse pattuglie, ma quando basterebbe una pallottola.

Ma loro pestano le donne, in divisa o meno, come dimostra la foto in alto relativa ad un caso analogo.




5 pensieri su “Migrante aggredisce passanti e spacca il naso a poliziotta: pugni e schiaffi alla donna”

  1. Qua non se le straccia le vesti “l’umanitaria”? Quando cambierà la musica, merde del genere non si saprà nemmeno dove sono andate a finire. E con loro le carogne dei tribunali, che prima però devono confessare d’essere stati complici degli infami che li hanno importati!

  2. Solo in Italia.
    Poi le FdO talvolta sfogano la frustrazione verso il cittadino inerme.
    Questo vogliono ai piani alti…legar loro le mani pare tattica psicologica per renderli frustrati.
    Lo avesse fatto nel Regno Unito, sarebbe entrato integro per poi uscire “masticato” dal cellulare.
    Basterebbe arresto e immediata espulsione anche sotto sedazione.
    Un giorno i rimpatri si potrebbero finanziare con i sequestri di beni e conti correnti ai capiccia delle ONG e alla rete fognaria che hanno intorno.

Lascia un commento