Deputati PD amici dei clandestini chiedono scuse a governo croato, invece li respingono: “Attacco alla nostra reputazione”

Condividi!

Dopo averli respinti li perculano. Giusto.

«Siamo sorpresi dalle parole del ministro Davor Bozinovic, ci aspettavamo delle scuse per averci impedito di fare il nostro lavoro, non delle false accuse», queste le parole rilasciate dalla delegazione di europutati del Pd Brando Benifei, Pietro Bartolo, Alessandra Moretti e Pierfrancesco Majorino, bloccati l’altro giorno dalla polizia croata mentre tentavano di raggiungere un gruppo di clandestini al confine fra Croazia e Bosnia, nella foresta di Bojna.

Deputati PD portano solidarietà ai clandestini e vengono cacciati: “Ma questa è Europa” – VIDEO

Le parole degli eurodeputati italiani arrivano dopo che il ministro degli interni croato Davor Bozinovic ha definito il tentativo di ispezione come una «evidente intenzione di danneggiare la reputazione della Croazia», rivela il giornale Balkan Insight.

Solo nel campo di Lipa, in Bosnia, si stima ci siano circa 900 clandestini che ora lamentano il ‘freddo’ dopo avere incendiato nei giorni scorsi la struttura per imporre il proprio trasferimento in Italia e altri Paesi Ue.




9 pensieri su “Deputati PD amici dei clandestini chiedono scuse a governo croato, invece li respingono: “Attacco alla nostra reputazione””

I commenti sono chiusi.