Roma, muore undicesimo senzatetto, italiana, mentre Raggi pensa ai Rom e Bergoglio agli immigrati

Condividi!

Magliana, clochard trovata senza vita vicino una baracca: undicesima vittima da inizio inverno. È stata trovata morta, accanto la baracca che condivideva con il compagno, a pochi metri da una roulotte abbandonata in via della Magliana. Nel pomeriggio del 25 gennaio, a Roma è stata così segnalata l’undicesima vittima del freddo. A perdere la vita una donna italiana di 54 anni, ritrovata proprio vicino al viadotto autostradale, in un anfratto abbandonato.

Sul posto, intorno alle 15 circa, è intervenuta la polizia ed il medico legale. Con il compagno che, arrivato sul posto, ha raccontato di aver trovato senza vita la donna con cui condivideva la sorte. Gli investigatori lo hanno ascoltato, ma al momento l’ipotesi che sia morta a causa di un malore causato dal freddo è molto probabile. A confermarlo anche le prime analisi del medico legale fatte in via della Magliana: non ci sono infatti segni di violenza, almeno apparenti, sul corpo. L’esame autoptico chiarirà però definitivamente la causa della morte.

Se fosse confermata, così come emerge da una prima analisi medica, la morte cosiddetta “naturale” della 54enne farebbe salire il macabro conto delle vittime del freddo di Roma a 11 da inizio inverno, di queste cinque nel 2021.

Il piano di un governo sovranista: requisire le proprietà immobiliare del Vaticano in Italia e darle ai ventimila senzatetto italiani e alle famiglie italiane disagiate. I senzatetto stranieri a casa, in Africa non si muore di freddo.




Lascia un commento