Nigeriani confessano: “Arrivati coi barconi per farvi a pezzi” – VIDEO

Condividi!

In questo video, un pentito ‘nero’ rivela come la mafia nigeriana si è allargata sul territorio italiano grazie agli sbarchi: con traffico d’organi, droga e prostituzione.

E di come smembri le sue vittime, allevate in ‘fattorie’ umane per poi essere usate come riserve di organi:

https://www.facebook.com/rolfifabio/videos/592840147827845/




12 pensieri su “Nigeriani confessano: “Arrivati coi barconi per farvi a pezzi” – VIDEO”

    1. Il problema ormai è che l’uomo bianco è troppo preso dal proprio ego.
      Inoltre il fatto che ci si lasci terrorizzare così facilmente dai mass media, perdona la mia presunzione, ma mi sa tanto di carenza di spiritualità. .. basti vedere a come si è diventati ligi alle regole dei DPCM… quando mai l’italiano abbia brillato in fatto di senso civico?!

      1. piu che carenza di spiritualita
        e’ carenza di materia grigia

        Altrimenti, davvero potrebbero esserci leader politici, come Salvini?

        Ma stiamo scerzando
        vien da ridere solo a pensarci

        Non e’ che tutti gli altri siano molto meglio
        ma Salvini raggiunge l’estremo inferiore
        non credo che in nessun altro luogo del mondo, ci possano essere politici di quel calibro

  1. Purtroppo dovremo, temo, percorrere tutto il percorso verso la tana del bianconiglio, un buco nero, profondo, oscuro, e letale.
    Sono sempre stato perplesso sulle reali possibilità, anche se capisco bene la redazione e la sostengo, sul fatto che semplici elezioni possano cambiare, sua pure lentamente, le carte in tavola. Che, ricordiamolo poiché giova, affondano le radici di questo disastro nella demografia nera, purtroppo, politicamente scorrettissimo, ma finché gli africani saranno due miliardi di individui e continuano ad aumentare, a colonizzare fuori l’Africa, e i bianchi a diminuire, andrà sempre peggio. Qui un saggio da leggere, se avete tempo:

    https://www.ereticamente.net/2011/05/lothrop-stoddard-cassandra-del-tramonto-della-razza-bianca.html
    E qui un demenziale articolo del 2012 ma attualissimo:
    https://www.lastampa.it/esteri/2012/05/18/news/mista-e-colorata-arriva-br-l-america-sognata-da-king-1.36479187

    Invito anche la redazione a leggere. Il fondo del buco, di cui si diceva sopra, sarà costituito da orrori che solo nei film, abbiamo avuto modo di assaggiare. Omicidi orrendi senza nessun timore di reazione, vedasi il regno di Moulay Ismāʿīl b. Sharīf, non un oscuro emiro medievale, ma un re che operò, sotto gli occhi degli ambasciatori europei in pieno settecento, l’età dei lumi. Secondo gli storici, avrebbe ucciso di propria mano oltre 35 mila uomini, una media di tre al giorno, ripeto, non computando quelli che Fece uccidere, ma quelli che Uccise di sua mano. Si divertiva a decapitare i propri servi che mentre era in sella al cavallo e, inconsapevoli, tenevano le briglie.

    Le fattorie umane da cui espiantare organi, camere di tortura per far ‘divertire’ loschi individui, massacri e genocidi per punire torti, veri o presunti, di qualunque genere, anche solo una parola ritenuta uno sgarbo, sono solo alcune delle cose da aspettarsi. Gli idioti progressisti pensano che tutto ciò non accadrà. E’ vero, dicono i meno idioti, ci saranno problemi per questi popoli per diventare ‘civili’ (e quindi tradiscono il loro razzismo, è il fardello dell’uomo bianco neocolonialista, solo che invece di farli sviluppare lì, prendendosi almeno le risorse, questi li vogliono qui, per sostituire i propri simili e prendendosi anche le nostre risorse locali), ma il futuro, sempre a loro dire, una volta mescolati ed inciviliti, sarà roseo e radioso, molto meglio, ancora una volta nei loro pensieri, di quanto mai l’uomo bianco monoculturale abbia mai fatto o potuto fare.
    Naturalmente il futuro sarà invece un’Africa nera, con tutti i suoi massacri, le sue sofferenze, i suoi orrori, limitati solo dai grandi spazi e dalla scarsa densità demografica, all’ennesima potenza. Senza più nessun paese e popolo bianco che scenderà dal cielo ad aiutare con la sua ricchezza, ad intimidire con la sua potenza, ad inclinare con la sua saggezza. Pensate ad un pianeta terra dove i bianchi non abbiano più una patria propria, dove le antiche patrie bianche siano miscugli indescrivibili in costanti guerre interetniche dove il segno meno alla demografia non sarà dato dalla scarsa natalità, che invece sarà altissima, ma da mortalità per genocidi, malattie, infantili e non date dalla situazione disperata. Dall’altra i popoli asiatici che stanno declinando demograficamente, ma di neri non vogliono sentirne parlare, è quindi plausibile immaginare che, con la scusa di obbligare alla pace, e far terminare i massacri, inviino le loro forze militare ad occupare i territori. Queste ultime sono solo ipotesi, ma che il mondo, almeno quello bianco, e di riflesso quello nero, si incamminino non in una radioso destino forgiato in una tavolozza colorata, ma in un cupo terrore con bianchi che cercano di aggregarsi in piccole comunità di difesa, mulatti privi di identità e neri che si comportano come hanno sempre fatto nei millenni passati a spartirsi il territorio. A volte mi chiedo perché facciano tutto questo senza nemmeno chiedere il parere del popolo che intendono mutare, radicalmente e definitivamente. Sembra così ingiusto, e lo è. Ma temo la risposta sia troppo facile, un mix di follia, odio, sete di potere, destinata a fallire, e idiozia.

    1. Ho accolto l’invito che mi hai rivolto per leggere il tuo commento. Sempre molto ricco di spunti ed esaustivo.

      È evidente che di questo passo c’è il rischio che in futuro i pochi bianchi rimasti saranno costretti a crearsi delle comunità tipo quella di Orania in Sudafrica, ma sparse nel mondo. Per cercare di preservare la propria identità etnorazziale. E non si sa se potranno vivere in pace.

      Se non ci svegliamo adesso, per noi bianchi è finita. Ma sono molto pessimista a riguardo.

      1. Credo che una speranza possa arrivare dagli Stati Uniti. Può sembrare un paradosso in una nazione artificiale, ma gli ultimi patrioti sembrano esser tutti lì. E una volta che li inizierà la ribellione, l’onda arriverà fino a qui.
        Se riescono ad annientare i dem là,i nostri cadranno in meno di una settimana.

  2. E che volete che sia?E’ normale.Per loro.A Lagos,Benin City Shoba se ti guardi in giro ci sono centinaia di bambini buttati in strada.Questi per i cacciatori di organi sono gratis.Ed a Lagos per la strada ce ne sono almeno 300.000.Quelli a pagamento sono venduti dai genitori o da parenti.Di solito sono figli di puttana negra.Fino ai 5 anni vengono cresciuti poi li sbattono fuori casa perché costano.Ed allora la prima selezione la fa la natura.La seconda l’uomo.Quando non vengono arruolati come soldati bambini dall’esercito.

Lascia un commento