Magistrato: “Italia paradiso dei delinquenti stranieri”

Condividi!

“Un paradiso” per i delinquenti stranieri, che preferiscono scontare le loro pene qui invece che nei Paesi d’origine. Così disse il procuratore generale presso la Corte d’Appello di Bologna, Ignazio De Francisci,invece, in occasione dell’inaugurazione dello scorso anno giudiziario.

L’Italia non è solo diventata un Paese importatore di detenuti stranieri, che preferiscono il nostro sistema a quello del loro Paese – avverte il procuratore – ma diventerà ben presto una sorta di paradiso penale per i latitanti rumeni e di tutti gli altri Paesi dell’Est”.

E’ boom di detenuti grazie a Immigrati: 5 volte gli italiani

Il procuratore puntava il dito soprattutto contro “certa giurisprudenza” che “ostacola il trasferimento dei detenuti stranieri perchè scontino la pena nei Paesi d’origine”, dal momento che “asseconda la preferenza degli stranieri per le carceri italiane anche quando non ve ne sarebbero i presupposti”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma come funziona? Spesso non si dà esecuzione al mandato di arresto europeo quando le carceri del Paese estero non offrono gli standard minimi previsti dalle regole europee quindi, continua De Francisci “accade spesso che l’arrestato rumeno rimanga in libertà in Italia, in quanto la Romania o non risponde alle richieste di informazioni sullo stato delle sue carceri o comunque prende tempo”.

Detenuti tunisini: “Guardia Costiera ci lascia passare”

IMPORTAZIONE DI CRIMINALI Vi è una certa abitudine di molti Paesi, Tunisi in testa, di non riconoscere come cittadino il condannato che deve essere espulso, pertanto il condannato sconta la pena con i benefici italiani e ricomincia a delinquere. Secondo il procuratore generale: “Sono tutti temi che possono trovare soluzione sia in sede politica, facendo pressioni sui Paesi che non collaborano con lealta’, sia in sede interna con la revisione di decisioni francamente poco comprensibili”. Altrimenti, affonda De Francisci, “è inutile lamentarsi se nel nostro Paese gli euroscettici sono in costante aumento”.

L’euroscetticismo non è la malattia, è la cura. E sulla Tunisia: basterebbe minacciarli di non rinnovare il permesso di soggiorno ai loro immigrati regolari. Siamo noi ad avere il coltello dalla parte del manico: il problema è che non abbiamo politici capaci di impugnarlo, quel coltello.




6 pensieri su “Magistrato: “Italia paradiso dei delinquenti stranieri””

  1. Secondo sindaco indagato (sempre apparentemente per questioni “edilizie”) per una vicenda solo apparentemente non collegata alla sindachessa anti profughi.
    Questa qui è anche funzionario della provincia e responsabile del corpo di polizia provinciale.

    http :// vercellioggi .it/ dett_news.asp?titolo=OLCENENGO__CONCORSO_IN_FALSITA%20_MATERIALE_ED_IDEOLOGICA_E_ABUSO_&id=93954&id_localita=5

  2. “Vi è una certa abitudine di molti Paesi, Tunisi in testa, di non riconoscere come cittadino il condannato che deve essere espulso, pertanto il condannato sconta la pena con i benefici italiani e ricomincia a delinquere.”: e se si decidesse la sua eliminazione fisica, Tunisi cosa fa, improvvisamente riconosce il suo cittadino delinquente e protesta?

  3. Però per prima cosa guardasse in casa propria, tra quei colleghi palamarani e rossotogati che credono che il loro potere possa bellamente prevaricare gli altri due poteri costituzionali, oltre a quello popolare.

  4. se le forze dell’ordine
    (ovvero i cosiddetti angeli della Meloni )
    anzicche andare a prendere questi delinquenti che scorazzano liberi e beati
    sono impegnati nel vessare e multare gli italiani che lavorano e gli pagano gli stipendi
    mi sembra ovvio che questi, vogliono venire tutti qui

Lascia un commento