Bimba stuprata a morte dal migrante, gente incredula: “Era integrato”

Condividi!

Secondo chi lo conosceva il brutale assassino della bambina di diciotto mesi era un migrante ‘integrato’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Incredulità e sconcerto, Sono le sensazioni che circolano in questi giorni a Lentate e Barlassina, dopo l’arresto di Gabriel Roberto Marincat, il 25enne romeno residente a Camnago arrestato per la morte della piccola Sharon Barni di Cabiate. E’ accusato di aver abusato di lei e di averla picchiata fino a provocarne la morte.

“Mi dispiace per quello che è successo, ma non voglio saperne nulla». Sono le parole della madre di Marincat. Ieri mattina, lunedì, dal citofono della sua abitazione in via Liguria a Camnago, dove sabato mattina i Carabinieri di Mariano Comense hanno arrestato il figlio, non ha voluto esprimersi sulla vicenda.

Incredula una vicina di casa, ma anche tanti barlassinesi che conoscevano Marincat. Prima di trasferirsi a Camnago, infatti, il 25enne aveva vissuto in paese. Proprio a Barlassina aveva frequentato le scuole e parecchi coetanei lo ricordano da adolescente, quando ci si ritrovava in piazza, alle poste o ai giardinetti. Dalle loro descrizioni emerge il profilo di un ragazzo vivace, “a volte un po’ sopra le righe. Ma non era un violento. Siamo sotto shock”.

Migrante stupra e uccide bimba di 18 mesi a Como: le sfonda la testa con una stufetta, figlia convivente

Il suo patrigno aveva raccontato che la piccola era rimasta vittima di un terribile incidente domestico.

L’aveva messa a dormire dopo averla ripetutamente picchiata. Quando però verso le 18 aveva provato a svegliarla, aveva notato che la piccola aveva difficoltà a respirare.

Sharon, 18 mesi appena, era arrivata in condizioni disperate all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo.

Nonostante un delicato intervento chirurgico, per la bambina non c’era stato nulla da fare.

In casa con lei, al momento del dramma, c’era il compagno della madre, Gabriel Robert Marincat, 25enne di origine rumena.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo scorso 23 gennaio l’uomo è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti da cui è derivata la morte della vittima e violenza sessuale.

Quando la piccola Sharon era arrivata in ospedale, il 25enne aveva raccontato di un incidente domestico in cui era rimasta coinvolta la bambina.

L’uomo aveva riferito della caduta accidentale di una stufa in testa alla piccola, mentre lui era solo in casa con lei.

Quel giorno ad allertare i soccorsi però non era stato il compagno della madre di Sharon, ma la nonna materna, che aveva notato la piccolina priva di sensi e aveva richiesto l’intervento del 118.

Il corpo della bimba martoriato da lesioni
Sul corpo della vittima sono state riscontrate innumerevoli lesioni, conseguenti alle botte che la piccola ha subito per molti giorni e non solo in quello della sua morte.

Il corpo della bambina era diventato una mappa degli orrori, con lividi e segni di violenza su braccia e gambe.

Non solo, il compagno della madre avrebbe anche abusato sessualmente di lei, com’è emerso durante l’esame autoptico.

Quel che è certo è che la violenza sessuale ci sia stata diversi giorni prima della morte.

Il prossimo venerdì Gabriel Robert Marincat sarà ascoltato dal gip e dovrà fornire la sua versione dei fatti.

Se tutto venisse provato, non esiste pena adeguata. Chi stiamo importando in questo grande e disgraziato Paese?

Violentata a morte a 18 mesi dal convivente immigrato della mamma: “Si stanno ingigantendo le cose”




3 pensieri su “Bimba stuprata a morte dal migrante, gente incredula: “Era integrato””

  1. Perché non c’è più la pena di morte?Perché la gente ha smesso di credere ai mostri, ma i mostri esistono e possono essere il negro, il rumeno, il mussulmano ma anche un bianco qualunque…ma non sono umani e la gente si rifiuta di accettare questo fatto!
    Un’essere umano non riuscirebbe a compiere simili atrocità e se in un momento di follia le compisse…non potrebbe sopravvivere al rimorso.
    Ma i mostri non conoscono il rimorso, non hanno coscienza ma sono tra noi e apprifittano di questa folle mentalità buonista, quando un tempo sarebbero finiti al rogo, annegati, torturati, impiccati o ghigliottinati…oggi li vogliono “recuperare”.
    Io non appartengo a questa epoca, io sono x la giustizia sommaria.Ci sono i mostri ma ci sono anche i cacciatori.

  2. !!!!!!!!Silvia Barni: la madre della bimba di 18 mesi picchiata e violentata!!!!!!!
    non ce la faremo mai tra donne nostrane che si accoppiano con subumani dell est europa e sterco afroislamico e lobotimizzati senza neuroni che pensano dopo stupri e spaccio e reati a go go che queste razze sterco del pianeta siano integrabili

  3. Ah, fuori tema ma magari Antani concordera’ su questi ultimi scempi…é uscito un filmaccio su Lupin dove Lupin é negro!!!
    La disney ha tolto Peter Pan, la carica dei 101 e gli Aristogatti xché razzisti!Razzisti…
    Ma perché non vi sparate in bocca squallidi pedofili leccanegri figli di troia?
    Sogno di derapare sui vostri crani marci col Generale Lee e sgommarvi sopra finché il Generale non diventa rosso autunno come Christine!
    Bastardi!
    Se i vostri figli vi chiederanno come mai tutti gli erou dei cartoni sono negri, fategli vedere Kenshiro e Rocky Joe!!L’uomo Tigre, Babil Junior e Sam, Conan il ragazzo del futuro e Mobidik 5!!!
    E ditegli che chi non li apprezza é un povero COGLIONE!!!!

Lascia un commento