Variante brasiliana resistente a vaccino, Crisanti: “Se più casi lockdown duro”

Condividi!

Primo caso di variante brasiliana in Italia. “E’ un segnale del fatto che non siamo difesi dalle varianti di Sars-CoV-2” avverte virologo Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova e docente di Microbiologia dell’ateneo cittadino, che invita a tenere alto il livello di attenzione. “E visto che sembra da alcuni primi studi che quella brasiliana risponda meno al vaccino, se si incominciano a vedere casi dispersi in tutta Italia e qualche cluster bisogna agire con prontezza. Soprattutto se si conferma una minore protezione da parte del vaccino, mi dispiace ma rimane solo un’opzione: bloccare tutto”.

“Se è un caso isolato va bene e rimane tale, ma se si incominciano a vedere più casi e si dovesse vedere che la variante brasiliana è effettivamente resistente al vaccino allora rimane solo un’opzione, ripeto: bloccare tutto per impedire che si diffonda. Significa lockdown duro, non con le zone rosse. Non possiamo permetterci di mandare all’aria il vaccino. Non scherziamo”, spiega all’Adnkronos Salute.

A preoccupare Crisanti sono alcuni lavori condotti sulla variante in questione che mostrano che “i sieri dei vaccinati hanno una limitata capacità di bloccarla. Da un punto di vista epidemiologico non si sa quanto effettivamente siano resistenti i vaccinati alla variante, è un’informazione ancora tutta da acquisire – puntualizza – ma sembra che gli anticorpi abbiano una capacità del 30%”, diminuita cioè del 70%. “Questo non vuol dire che le persone immunizzate non dimostreranno poi di resistere agli attacchi della variante brasiliana, ma se dovesse essere così sarebbe un problema: se incominciasse a diffondersi e si vedesse qualche impatto sui vaccinati, il discorso cambierebbe e si farebbe più allarmante”.




13 pensieri su “Variante brasiliana resistente a vaccino, Crisanti: “Se più casi lockdown duro””

  1. Non riusciranno a tenere le persone rinchiuse in casa e le partite IVA senza soldi.Un governicchio che sta collassando con crisi pilotata.Presto ne faranno un altro peggio del precedente,ma di sciogliere le camere ed andare al voto NON se ne parla.A seguito della situazione e del lockdown duro che ci prospettano le persone,già esasperate dalle precedenti restrizioni,inizieranno ad aggredire le forze dell’ordine che faranno multe a della gente che non ha nemmeno gli occhi per piangere..poi la rivolta cruenta e l’intervento delle forze armate.Speriamo che siano solo “divagazioni mentali”…

  2. So che e’ tutta una montatura, ovvero che i morti totali si contano nelle decine di migliaia e non sono i milioni che vorrei. Poi muoiono i vecchi di cui non frega niente a nessuno, mentre vorrei che morissero allo stesso modo almeno dai trenta anni in su, soprattutto donne che si fanno un gran culo quindi la loro dipartita crea più problemi sociali, ma grazie Vox che mi illudete con queste varianti massacranti.

  3. Non si capisce perché dovremmo fare un lockdown duro per evitare che la variante brasiliana che aggira i vaccini si diffonda in Italia durante la vaccinazione: che cambia? Facciamo come dice Crisanti, lockdown duro e vaccinazione totale, a novembre siamo tutti vaccinati ed usciamo finalmente di casa. In Africa a quel punto la variante Brasiliana sarà diventata prevalente ed essendo in grado di aggirare il vaccino si diffonde tra di noi insieme ai negri…So che e’ tutta una montatura, ovvero che i morti totali si contano nelle decine di migliaia e non sono i milioni che vorrei. Poi muoiono i vecchi di cui non frega niente a nessuno, mentre vorrei che morissero allo stesso modo almeno dai trenta anni in su, soprattutto donne che si fanno un gran culo quindi la loro dipartita crea più problemi sociali, ma grazie Vox che mi illudete con queste varianti massacranti.

  4. “i ‘vecchi’ come li chiami tu hanno dei parenti. Sono persone. E molti di loro, sono Persone che hanno dato tutto. Tu non hai rispetto per loro. Sei una povera merda.” … E qui, “vocelibera”, hai solo ragione. Non m’interessa un tubo, in questo caso, che tu sia sprepuziato. Dici il vero. Punto.

  5. L’unica verità è, come dice Alí, che la tensione è alle stelle. Le urne servirebbero a stemperarla momentaneamente, tutto ciò che pare uno spiraglio di luce ci induce a correre verso quel bagliore, ma poi, purtroppo, quando le cose non muteranno si ripiomberà nell’incertezza in cui la recente dittatura ci ha gettato. Solo un “cataclisma” ci salverà da un futuro segnato.

Lascia un commento