Vaccino Covid, Istituto Pasteur lo blocca: “Poco efficace”

Condividi!

L’Istituto Pasteur, il più importante ente francese per la ricerca, ha annunciato che fermerà il suo progetto principale per lo sviluppo di un vaccino anti-Covid, portato avanti in collaborazione con la società farmaceutica americana Merck, dopo che i primi test clinici si sono dimostrati “non sufficientemente efficaci”.

Nella somministrazione all’uomo, “il vaccino candidato è stato ben tollerato, ma le risposte immunitarie indotte sono risultate inferiori a quelle osservate nelle persone guarite da un’infezione naturale, nonché a quelle osservate con i vaccini autorizzati contro il Covid-19”, ha dichiarato l’Istituto Pasteur in una nota, nella quale si precisa che si “continueranno a sviluppare altri vaccini candidati arrivati alla fine della fase preclinica”.

Insomma, questa ‘ondata di vaccini’ è solo nella testa dei politici. E probabilmente il vaccino italiano dello Spallanzani farà la stessa fine, purtroppo. Rimangono i vaccini genici, totalmente non testati a lungo termine per gli effetti collaterali. Se ce li danno, perché a questo ritmo non avremo immunità di gregge fino al 2022 inoltrato.




5 pensieri su “Vaccino Covid, Istituto Pasteur lo blocca: “Poco efficace””

  1. Il lockdown duro e’ il bastone mentre il supposto vaccino è la carota messa davanti all’asino, per fargli sopportare i pesi che ne schiantano la schiena. L’asino bue, inutile dirlo, in questa metafora bucolica siamo noi popolo bue, cornuti e mazziati. Il coronavirus non esiste ma se esiste, a maggior ragione va sfidato con il nostro corpo. Chi sopravvive (99% almeno dei contagiati) deve poi fare la rivoluzione mettendo gli ospedali a ferro e fuoco.

    1. “nessun vaccino può considerarsi ottimale se non dopo 2-3 anni tra ricerche e test” la solita cazzata di chi legge che *normalmente* per un vaccino servono almeno 2/3 anni di sviluppo ma non capisce che si trova in un contesto leggermente diverso da prima e che un vaccino si può sviluppare anche molto prima (a parità di condizioni). Purtroppo la gente più è ignorante più pensa di essere sveglia.

Lascia un commento