Rackete, Sea Watch: “A bordo TV tedesca, attacco preparato contro l’Italia di Salvini” – VIDEO

Condividi!

In questo servizio andato in onda durante Quarta Repubblica viene ricostruita la vicenda della Sea Watch 3 capitanata da Carola Rackete. Si nota come la capitana, durante tutto il viaggio a bordo della nave Ong, abbia sempre un microfono sul petto, quasi come si rendesse protagonista di un film.

Qualcosa di strano è accaduto durante quella missione ‘suicida’. Era tutto preparato.

Lo ha rivelato Hans-Georg Maassen, rimosso oltre un anno fa dalla guida dei «servizi segreti» tedeschi, l’Ufficio federale per la Protezione della Costituzione, dalla Merkel, dopo un suo intervento in cui contraddiceva la stessa cancelliera su un episodio di «caccia al migrante» a Chemnitz, avvenuto dopo l’ennesimo omicidio da parte di un richiedente asilo.

Secondo Maassen, che ovviamente ha ancora ‘amici’ all’interno della struttura dei servizi segreti tedeschi, la vicenda della Sea Watch e di Carola Rackete è stata una sceneggiata messa in piedi dalla tv pubblica Ard: quindi dal governo Merkel.

Cosa confermata dal video di Quarta Repubblica.

Maassen ha condiviso un articolo del sito tedesco Journalistenwatch, in cui si parlava della presenza a bordo della Sea Watch di una troupe della televisione pubblica tedesca, e in cui si avanzava l’ipotesi che tutto fosse stato preparato: si doveva forzare l’apertura dei porti italiani e causare un incidente che mettesse in difficoltà Salvini.

Ed è questa ipotesi che l’ex capo dei servizi segreti tedeschi approva. Probabilmente lui sa che dietro le ong tedesche e quelli francesi ci sono apparati dei due Stati. E che quella contro l’Italia è una guerra asimmetrica.

Non casualmente, dopo questa rivelazione, il sito era stato punito dal governo tedesco con il ritiro della classificazione di ente no profit per il suo editore.

Ricordiamo che, un anno dopo queste rivelazioni, Rackete se la spassa nei boschi della foresta nera, mentre Salvini andrà a processo nelle prossime settimane per avere ‘diffamato’ questa signorina.




5 pensieri su “Rackete, Sea Watch: “A bordo TV tedesca, attacco preparato contro l’Italia di Salvini” – VIDEO”

  1. Sappiamo tutti ormai che chi agisce per moltiplicare l’orda di bestie che si accalcano per il dominio del loro metro quadro di italianità presunta viene gratificato dalla dittatura con uno speciale pass a delinquere, ma se gli italiani si sono rincoglioniti… sono in buona compagnia, tutto il resto dell’Europa è criomodificata. Una paralisi da stoccafisso che si è manifestata e propagata ben prima del 19. Cosa spinga a sacrificare la propria esistenza, a rinnegare le proprie origini e radici, per volere di 4 stronzi che ci impongono di accogliere popoli arroganti e violenti non è dato sapere. Avendo conosciuto personalmente il carattere altezzoso dei bolzanini mai avrei pensato che potessero piegarsi, eppure è accaduto.

    1. Cosa spinge? Semplice: il profitto. Hanno creato un sistema di controllo del suddito, basato sulla moneta per speculatori chiamata euro: e siccome non possono certo eliminarla e tornare alle valute nazionali, ecco che contano d’importare queste merde (spacciandoli per profughi umanitari e naufraghi…) nella vana speranza di pagarle a 2 euro l’ora. Ciò almeno finchè non sostituiranno i bianchi: dopodichè, i “nuovi cittadini” chiederanno gli stessi diritti dei bianchi che hanno sostituito, e non saranno teneri se non glieli daranno…

Lascia un commento