Sostituzione etnica: Biden sostituisce busto di Churchill con quelli di Martin Luther King e Rosa Parks

Condividi!

Il busto del grande statista britannico venne mandato in cantina da Barack Obama nel 2009 – e l’allora sindaco di Londra Boris Johnson definì la decisione un “affronto” al Regno Unito. Il busto venne poi reintrodotto nello Studio Ovale da Trump nel 2017, che lo mostrò orgogliosamente alla premier britannica Theresa May in una sua visita alla Casa Bianca. Al posto di quello di Churchill, Biden ha voluto ora un busto di Martin Luther King, insieme a busti di Rosa Parks, Robert F Kennedy e del sindacalista Cesar Chavez.




10 pensieri su “Sostituzione etnica: Biden sostituisce busto di Churchill con quelli di Martin Luther King e Rosa Parks”

  1. Come tutti i globalisti appena entra nella stanza dei bottoni pigia come un matto, hanno una frenesia distruttiva unica, specialmente verso i simboli del vecchio mondo.
    Una bella merda in faccia agli inglesi, in questo caso fottasi…ma ha appena iniziato sto pedofilo rottinculo, facile che sostituisca l’obelisco a washington con un cazzo nero.
    Quello che mi fa impazzire é che quasi tutte ste merde sono vecchi da 30kg, con un cartone andrebbero in frantumi!2 minuti in una stanza chiusa con loro e non resterebbe nulla…

  2. Da un certo punto di vista ci potrebbe stare, perché Churchill era britannico, seppur di madre statunitense. A differenza dei ML King, della Parks, di RF Kennedy e Chavez, che erano americani, seppur di razze diverse.

    Ma è chiaro che qui il patriottismo non c’entra nulla, semmai c’entra il razzismo anti-bianco dei liberalprogressisti. D’altronde mica sono state ripristinate le statue di Lincoln e Colombo abbattute dai BLM e dai loro amici Antifa. Da un certo punto di vista, la statua di Lincoln ha meritato l’abbattimento, visto che è colui che ha abolito la schiavitù dei ne(g)ri.

  3. Ieri sera salvini era in trasmissione e mentre giravo canale ho sentito una cosa che mi ha lasciato stupita: sputava su Trump dicendo che, a suo tempo, avrebbe fatto gli auguri al governo piddino appena andato al potere dopo la sua defezione di ferragosto.
    Non ricordo il particolare, comunque mi pare che lui fosse pappa e ciccia con Putin a quei tempi e nemmeno questo abbia fatto una piega quando lo hanno destituito.
    Il politico debole tutto spritz e mandolino non piace a chi ha le palle…come biasimarli? Era a capo di una nazione non il giullare di una festa goliardica. Vogliamo parlare di quel coglione che nelle foto faceva le corna dietro la testa dei vicini? “Come possiamo pretendere rispetto dai paesi che ci stanno calpestando?

Lascia un commento