Monti sostiene Conte: “Basta ristori, meglio aumentare le tasse” – VIDEO

Condividi!

Monti: “Troppi ristori, pensiamo alla patrimoniale”




11 pensieri su “Monti sostiene Conte: “Basta ristori, meglio aumentare le tasse” – VIDEO”

  1. come e’ bello non ricordare che questo personaggio
    fu un dono del governo di centro destra, intriso di leghesti e Meloni.
    Ovvero il nuovo che avanza

    20 gennanio 2021
    GIORNATA STORICA A WASHINGTON
    Come avevano previsto le persone più lungimiranti, ieri Joe Biden ha perso definitivamente la speranza di diventare presidente, mentre Donald Trump è stato trionfalmente insediato alla Casa Bianca per altri 4 anni.

    La giornata era iniziata in modo tranquillo, ma sin dalle prime ore del mattino si è capito che stava per accadere qualcosa di grosso.
    Centinaia di migliaia di supporter di Donald Trump sono stati avvistati lungo le rive del Potomac, in avvicinamento verso Washington.
    Marciavano compatti, cantando cori di guerra, mentre tenevano alte le bandiere confederate.
    Alcuni di loro trascinavano anche un vecchio cannone della guerra civile, rimesso a lustro per l’occasione,
    Nel frattempo Joe Biden, ancora ignaro di quello che stava accadendo, si preparava nella sua stanza d’albergo, profumandosi e pettinandosi i pochi capelli che gli sono rimasti. Non sapeva ciò che il destino aveva in serbo per lui.

    Anche dalle parti del Pentagono si notava un certo movimento: carri armati e mezzi blindati di ogni tipo si allineavano ordinatamente sulle autostrade che portano al centro della città.
    Tutto il traffico civile veniva bloccato, sia in entrata che in uscita dalla capitale.

    Le orde di supporter venute da sud confluivano con quelle venute da ovest, e la marea umana – composta ormai di alcuni milioni di persone – circondava osannante l’intero perimetro della Casa Bianca.

    Dal balcone del secondo piano il presidente Trump li salutava gioioso, mentre sventolava un cartello con la scritta
    “di qui non ce ne andremo mai”.

    Nel frattempo un Blackhawk della Marina sorvolava l’albergo di Biden, e una squadra speciale di S.W.A.T. si calava silenziosa direttamente sul suo balcone.
    Biden e la moglie venivano prelevati dall’elicottero e portati al sicuro nei sotterranei del Pentagono.

    Dall’altra parte della città, un manipolo di uomini coraggiosi armati fino ai denti, capeggiati da Steve Pieczenik (in rigorosa camicia a fiori) penetrava negli uffici della CNN e si impossessava dello studio principale.

    L’anchorman Wolf Blitzer doveva interrompere la diretta, e veniva ignominosamente cacciato a pedate nel culo, mentre si udivano contro di lui epiteti di tipo razziale.

    Steve Pieczenik si sedeva al suo posto, si aggiustava il microfono e annunciava trionfante alle telecamere:
    “Popolo d’America, è giunto finalmente il giorno della giustizia e della verità. Ve l’avevo detto di non disperare. Era tutto programmato. Avevamo l’arma segreta.
    Noi abbiamo fatto soltanto finta di cedere, ma in realtà volevamo solo ingannare l’avversario, per indurlo in un falso senso di sicurezza”.

    Dopodiché Pieczenik indicava il monitor della diretta e diceva: “Guardate. Guardate quello che sta succedendo nelle vicinanze del Campidoglio”.

    In effetti, le riprese aeree erano impressionanti: si vedevano intere armate militari che convergevano speditamente verso il luogo sacro della democrazia americana.
    Le guidavano orgogliosi il Generale Mitchell, il Generale Patton (nipote del leggendario George) e il Generale Brazorf (nipote del leggendario Ajeje).

    Una volta giunti nelle vicinanze della terrazza dell’inaugurazione, tre gruppi di Marines scavalcavano le barricate, prendevano possesso della zona e si disponevano ad ala accanto al portone d’uscita.

    A quel punto lo speaker della cerimonia annunciava:
    “Signore e signori, la corte suprema degli Stati Uniti d’America!” Accompagnati dal suono delle trombe, uscivano all’aperto i nove giudici della corte suprema, che andavano immediatamente a disporsi di fronte al microfono principale.

    Il presidente della corte suprema, John Roberts, annunciava a tutta la nazione:
    “Noi, membri della corte suprema degli Stati Uniti d’America, annunciamo solennemente che le elezioni di novembre sono state truccate. Lo abbiamo scoperto grazie ai sottili elementi di filigrana che gli uomini di Pieczenik hanno fatto inserire segretamente nelle schede elettorali. I democratici ci sono cascati in pieno, mandando per posta centinaia di migliaia di schede fasulle, che sono state prontamente eliminate.
    Il presidente Donald Trump quindi ha diritto di rimanere alla Casa Bianca per altri quattro anni.

    Per avere cercato di vincere con l’inganno, Joe Biden verrà mandato ai lavori forzati.
    La giustizia trionfa sempre.
    Il mondo è dei giusti.
    God Bless America”.

    Terminava così, senza spargimento di sangue, una delle giornate più gloriose della storia americana.

    A questo punto non ci resta che mandare un bel vaffanculo a Qanon,
    un bel vaffanculo a Steve Pieczenik,
    e un vaffanculo grosso come una casa a tutti i blogger dei leghisti
    che vi hanno preso in giro negli ultimi mesi, facendovi credere che qualcosa del genere fosse anche solo lontanamente possibile.
    Massimo Mazzucco

    1. Hai un serio problema di memoria e un grave problema di fonti. Oltre ad un complicato difetto di comprensione.

      Ma sei libero di sfogarti su internet. Che figata, il progresso. Pensa che una volta per quelli che parlavano da soi per la strada si chiamava la croce verde e invece ora hano semplicemente l’auricolare bluetooth.
      Sai perchè si chiama bluetooth?
      In onore di re Harald “dente blu”, unificatore di svariati “petty kingdoms” scandinavi.

      1. siete sicuri che sono io che ho problemi di memoria e di fonti
        o invece che e’ molto facile paraculare i tifosi della destra?

        Quando Salvini quando restitui il governo al sistema,
        disse ;
        “era un governo fermo sulla riforma fiscale, sulla giustizia, sulle infrastrutture e sull’autonomia”.

        Chi potrebbe prendere sul serio una cazzata del genere
        se non un leghista?

          1. la vera soluzione e’ riuscire a prendere il controllo dei media
            perche e’ li la questione di tutte le questioni

            Biden ad esempio e’ stato eletto dal sistema mediatico.
            con cui hanno potuto realizzare la piu grande truffa elettorale di tutti i tempi.
            Quindi chi controlla i media controlla tutto.

  2. Comunque sia, sino a che non prenderemo atto che, per una ragione o per l’altra, nessun politico di quelli in carica è affidabile e sincero e che l’unico modo di uscire da questa situazione non è cambiare partito ma rivoluzionare l’intero sistema, farci restituire il denaro rubato e prendere finalmente le redini del calesse rimarremo schiavi dell’europa e dei suoi tiranni.
    Gli italiani non fanno gioco di squadra, convinti che il “loro”partito sia quello giusto, un vero peccato perché soltanto quando capiremo tutti che il sodalizio è la salvezza per sconfiggere gli oppressori smetteremo di essere gli schiavi bianchi di una mandria di negri pretenziosi marchiati a fuoco dalla ue.
    Rinsavite se potete.

  3. Trovo sbagliato concentrare l’odio più su Monti, si farebbe il “loro” gioco.
    Lui ci ha messo la faccia e ha detto qiello che pensa una intera classe politica.
    Per esempio credo che il Mortadella sia ancora più “estremista” di Monti.

  4. Si lo so Antani, è strano come i termini possano evocare immagini tanto diverse, questo perché la mia è pura utopia e la tua è un’immagine reale che aderisce alla situazione odierna. Quando penso alla democrazia penso alla sublimazione dell’onestà e della rettitudine, di cittadini che si coalizzano contro i rischi che il paese può correre. Persone che non badano certo all’interesse personale ma si adoperano affinché la nazione progredisca. Offrire ad altri italiani la possibilità di vivere un’esistenza più semplice, anche a livello burocratico. Purtroppo la natura umana non è perfetta, persino nella sala della Pallacorda anche se prevaleva il buon senso qualcuno cercava di andare controcorrente. Tre sono le cose importanti nella lotta: la forza con la quale si rema, la volontà di raggiungere la meta e… il numero dei vogatori non è un particolare trascurabile.

Lascia un commento