IMMIGRATI LO HANNO MASSACRATO: ITALIANO IN COMA, TESTA SPACCATA E FRATTURE MULTIPLE

Condividi!

Su questa notizia:

Italiano massacrato a Macerata da branco di immigrati

Le condizioni sono ancora più gravi. Il branco pare fosse composto da albanesi.

Aggredito brutalmente all’uscita del bar, la procura procede per tentato omicidio a carico di ignoti. Vittima del pestaggio Daniele Vecellio Patis, 36 anni, originario della frazione di Reane, residente a Macerata con la compagna Valentina Smith e la figlia Ada di soli due mesi. Vecellio si trova ricoverato in coma farmacologico all’ospedale di Torrette ad Ancona dopo il pestaggio da parte di tre stranieri, pare albanesi, avvenuto sabato sera in via Cavour a Macerata dove l’uomo risiede da tempo, dipendente di una ditta edile.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ieri la mamma Graziella Giorgi e il papà Vittorio sono scesi ad Ancona per stargli vicino. Da quanto si è appreso, i medici avrebbero provato a svegliarlo, ma Vecellio si sarebbe agitato al punto che si sarebbe preferito lasciarlo nel “sonno profondo”. Riscontrate fratture multiple soprattutto alle costole, oltre al grave trama cranico. La prognosi è riservata.

Gli amici cadorini si sono subito mobilitati con una raccolta fondi avviata da Giacomo Maroldo, capo delle Protezione civile del Centro Cadore che più volte avrebbe avuto contatti con Vecellio in occasione delle ripetute discese nelle Marche del post-terremoto, in particolare Camerino. L’ultimo incontro è stato invece a giugno, in occasione di un raduno di bellunesi migrati in altre regioni.

«Non saranno tanti – scrive Maroldo sul profilo facebook di Vecellio -, ma è sempre un piccolo aiuto per Valentina e la piccola Ada in queste triste momento. Noi tutti vi siamo vicini. Roccia non mollare stringi i denti». Tra le persone vicine anche il consigliere provinciale Massimo Bortoluzzi.

Sabato sera il 36enne era appena uscito da un bar con un amico, quest’ultimo si era intrattenuto con degli amici quando tra Vecellio e gli stranieri sarebbe successo qualcosa (che cosa, potrà dirlo solo la vittima). Non è chiaro se una parola di troppo, un gesto o cosa, ciò che è chiaro è che gli aggressori lo hanno bloccato e picchiato finché la vittima non è caduta a terra battendo violentemente la testa. Sul posto erano intervenuti i sanitari del 118 e gli agenti della Volante di Macerata, coordinati dal commissario capo Lorenzo Commodo, il giovane, sedato, prima era stato trasportato all’ospedale del capoluogo e poi nella struttura sanitaria regionale di Torrette.

«Confido nell’operato della polizia affinché si chiarisca quanto avvenuto sabato sera in corso Cavour, le indagini sono ancora in corso e attendiamo l’esito delle stesse», ha commentato a caldo il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli. Gli agenti della Squadra Mobile guidata dal commissario capo Matteo Luconi sono impegnati in mirate indagini per ricostruire l’accaduto e risalire all’identità degli aggressori, al vaglio degli investigatori ci sono le immagini delle telecamere di videosorveglianza poste nella zona in cui è avvenuta l’aggressione. L’occhio elettronico infatti potrebbe aver ripreso gli aggressori in fuga e fornire elementi importanti agli inquirenti.




16 pensieri su “IMMIGRATI LO HANNO MASSACRATO: ITALIANO IN COMA, TESTA SPACCATA E FRATTURE MULTIPLE”

  1. Voi ci scherzate sopra ma non avete capito proprio un cazzo. Gli albanesi sono la merda dei negri. Anzi, peggio. Solo i magrebini e i rumeni si avvicinano al livello di mostruosità degli albanesi. L’Albania sarebbe da CANCELLARE dalla faccia della terra insieme alla Cecenia. Sono solo 2 buchi del culo che sfornano GENTE DI MERDA.

  2. Mai dimenticare che in Albania (Paese, oltre a tutto, vomitoislamico) funzionava una “clinica” mostruosa, nei pressi di Tirana, dove i terroristi dell’UCK portavano i giovani soldati serbi caduti nelle loro grinfie per fargli espiantare gli organi. Da vendere poi, insieme con l’eroina, al miglior offerente.

    1. Veramente non è un paese islamico, ci sono stato, la metà sono cristiani, l’altra metà si dicono mussulmani ma non lo sono in quanto bevono fumano e non pregano mai. Bel paese l’Albania, gente molto ospitale nei confronti dei turisti, ve la consiglio, ovviamente al tempo stesso è anche un paese brutale dove è meglio non cercare rogna.

  3. Adolf… io sono marchigiano, e ti posso assicurare che qui noi non abbiamo problemi con gli albanesi, la maggior parte di loro lavorano tutti e non danno fastidio a nessuno. Ma per quanto riguarda i neri, siamo invasi, sono tutti mantenuti da noi, commettono ogni genere di reati, delle aggressioni sessuali contro le donne non ne parliamo, tutti noi concordiamo sul fatto che i neri sono un vero problema, non so se sei stato mai nelle Marche, ti consiglio di farti un giro nel comune di porto recanati zona hotel house, zona militarmente occupata dai neri, è la seconda calstelvolturno d’Italia. Ah e una volta anni fa in discoteca sono stato aggredito senza motivo da due energumeni africani ubriachi, sono caduto a terra e i buttafuori ci hanno buttato fuori tutti quanti neri compresi, solo che li di fuori hanno continuato ad aggredirmi, e chi è venuto in mio aiuto? Pensa un po’ gli Albanesi! Che li hanno facilmente sopraffatti in quanto erano numericamente superiori, e mi ci sono buttato anche io a colpire i neri per vendicarmi, e poi siamo scappati prima dell’arrivo della polizia. Incredibile vero?

    1. BlackEagle ti ascolto, ti rispetto ma non cambia le cose. Odio gli albanesi, sono merda. Hanno creato più morti loro insieme ai rumeni in rapine, cronaca nera, bullismo, pestaggi, mafia,incidenti stradali ecc ecc di chiunque altro. Se tu sei stato in albania io sono stato in Romania nel 2002,girata tutta in auto. Non ci ruppe il cazxo nessuno ma nessuno. Questo che vuol dire? Che sono brava gente? Non diciamo idiozie. Sono stato in marocco, da solo, non mi ha rotto il cazzo nessuno. Vuol dire che è brava gente? VUOL DIRE SOLO CHE NEI LORO PAESI STANNO MUTI E RASSEGNATI. Infatti vengono tutti qua per quello, per fare disastri e sfracelli. Io sinceramente per quanto odi i negri e mi facciano schifo, preferisco fidarmi di un negro che di uno zingaro losco e discendente di dracula come quelle merde dell’est. SCHIFO DI RAZZE MALEDETTE.

      1. Come vuoi ma secondo me sbagli ad avere più fiducia verso un nero, primo perché è nero e quindi non è caucasico come gli italiani e gli europei, secondo perché non sai che loro non sanno interpretare il comportamento dei bianchi, se gli dai confindenza dopo loro non ti mollano ed esigono sempre di più. Se vai in Nigeria e hai un orologio al polso, quelli pur di rubartelo ti staccano il braccio col machete.

        1. Io non ho fiducia in nessuno dei due. Ma non vi nascondo che ho più insofferenza verso i ne(g)ri in assoluto. Solo per il fatto che sono sessuomani, infatti loro vengono qua perché hanno un solo chiodo fisso: scopare le nostre donne. E non sono poche quelle che gli si concedono. Brutte schifose da emarginare e trattare come lebbrose e sifilitiche.

  4. E cmq quei bastardi non hanno neppure il senso dell’umorismo. Negri che fanno ridere è pieno, parlo di attori, comici, cabarettisti… Quanti albanesi simpatici e che fanno ridere conosci?

    1. Se ci sono tanti neri attori cantanti famosi ecc ecc… dovresti sapere il perché… perché siamo in Occidente, e come ben sai in Occidente i liberalprogressisti metteranno sempre al primo posto i neri.

  5. BlackEagle ti racconto questa: nel parco dove porto a spasso il mio cane, su un muro, una bella mattina ci ho trovato dipinta sopra una grande bandiera albanese, quella cazzo di aquila nera su sfondo rosso. È un murales? No. Hanno segnato il territorio, zona loro. Io ho preso la merda del mio cane, una bella busta, e ci ho ricoperto tutta la loro bella bandiera del cazzo, l’ho fatta marrone. Ci ho fatto pure il video mentre lo facevo, erano le 10 del mattino, in bella mostra, te lo invierei. Morale? I tuoi albanesi che non provocano problemi da te, invece da me vorrebbero, ma le zone mie non sono le loro, sono le MIE!

    1. Ma non hai capito cosa cerco di dirti… tu fai storie per una bandiera disegnata su un muro, ma fino a prova contraria gli albanesi non hanno mica occupato militarmente la città in cui vivi, quant’è il rapporto sulla popolazione della tua città? E quanti sono gli albanesi? Ecco da me invece il problema è che i neri sono troppi, buoni o cattivi che siano, sono ormai il 25% della popolazione, una conquista, una sostituzione etnica in pratica, e non credo che gli albanesi da te sono cosi tanti.

      1. Zanetti… mi sa che hai le idee confuse, il mio nickname che si riferisce all’Aquila nera l’ho messo per rendere omaggio all’ormai defunta RSI, che non avremo mai più. Cosa hai capito??

Lascia un commento