Vaccino funziona: record di morti in Inghilterra, 1.610 in 24 ore

Condividi!

Le autorità sanitarie britanniche hanno registrato 1.610 nuovi decessi da coronavirus nelle ultime 24 ore, tra le persone che erano risultate positive nei 28 giorni precedenti. E’ il numero più alto di vittime giornaliere registrato in Gran Bretagna dall’inizio della pandemia. I nuovi casi di positività al virus accertati nelle ultime 24 ore sono 33.355. Ieri, erano stati registrati 599 decessi e 37.535 nuovi casi. I dati giornalieri sulla pandemia indicano inoltre che il numero totale delle vaccinazioni ha raggiunto al 18 gennaio la cifra di 4.266.577, con un aumento di 204.076 somministrazioni rispetto al dato precedente.

A questo punto uno si aspetterebbe quantomeno un rallentamento del contagio. Invece sembra il contrario. Un po’ come in Israele. L’idea di un vaccino a doppia dose dopo settimane di distanza, rischia di selezionare varianti più aggressive.




22 pensieri su “Vaccino funziona: record di morti in Inghilterra, 1.610 in 24 ore”

  1. con questi ritmi possiamo eliminare circa mezzo milione l’anno di italioti
    considerando che quelli che si vaccinano, non sono neanche tutti leghisti,
    servono una trentita d’anni. se tutto va bene, per ripulire l’Italia dai deficenti

    troppo tempo !
    servirebbe qualcosa di piu rapido
    o almeno che lavori congiuntamente

    cosa volete che vi dica
    speriamo gli scienziati riescono a trovare qualco’altro

  2. 1610 morti in un solo giorno sono veramente dei bei schiaffoni, che seguono oltretutto a botte di 1500, 1350, 1200, morti al giorno dei giorni scorsi… morti come se piovesse in UK. Ma non sarà che la variante inglese, da noi purtroppo ancora poco diffusa, piuttosto che più contagiosa non sia in realtà molto più letale? Lo scopriremo solo vivendo 😉

  3. Vaccino Pfizer, Zaia: “Vergognoso tagliare le forniture.

    Vaccino Covid, Zaia: Atto di solidarietà
    “Chi si vaccinerà – ha aggiunto il governatore – lo farà per se stesso, per gli altri, ma anche per tutti coloro i quali non vogliono farlo, perché non capiscono quanto sia importante. Quindi chi si sottoporrà al vaccino farà un doppio atto di solidarietà”. “L’immunità di gregge si raggiunge col 65% dei vaccinati – ha continuato Zaia – i cinesi lo hanno fatto e il virus è praticamente sparito. Non è difficile da capire, facciamo lo stesso anche noi”. “Questo vaccino non solo previene dalla malattia, ma disinfetta anche.

    Note:
    Quando Zaia parla di disinfezione, evidentemente sta facendo riferimento al suo elettorato leghista

  4. Giorgia Meloni
    I vaccini sono una delle conquiste più importanti nella storia della medicina e le vaccinazioni obbligatorie sono lo strumento che la comunità scientifica ci consiglia per debellare patologie solo apparentemente sconfitte per sempre. Lanciare messaggi confusi e contraddittori, con il rischio di alimentare paure e notizie false, è un errore che la politica non deve commettere. La salute degli italiani, e in particolare dei nostri figli, non è argomento sul quale dividersi o dare giudizi sommari.

    Ora considerando che tra leghisti e Meloni, abbiamo circa 15 milioni di italioti, disinfettandone mezzo milione l’anno
    di quanti anni abbiamo bisogno?

  5. Stanno facendo iniettare sulle persone dosi di vaccino chiaramente letale, perché, per non far curare il Covid con i normali antivirali, che sarebbe una soluzione non solo veramente efficace, ma anche infinitamente più economica. Insistendo così rendono veritiere le tesi complottiste sulla finalità neomaltusiana del vaccino Pfizer.

  6. Traghettatore infernale, non dimenticarti che i tuoi amati esastellati sono stati e sono, sul fronte dei vaccini (= acqua di fogna”) e delle vaccinazioni (letali), i peggiori e più luridi traditori/voltagabbana… figli di puttana impestati come ‘sti parassiti ballisti poltronari in effetti non se n’erano mai visti nel Parlamento itaGliano. Ed è tutto dire.

    1. e tu ricordati che ripeti sempre le stesse cose

      lo sappiamo tutti che il M5S ha tradito
      ed appunto per questo viene preso a parolacce dal suo elettorato

      ti dovresti preoccupare semmai delle forze politiche di destra, che e’ una vita che li prendono per culo a sti deficenti
      ed aumentano pure il consenso.

      Sara Cunial non e’ della lega
      e’ una ex M5S
      ed i suoi interventi parlamentari li conoscono in ogni parte del mondo
      come mai tu non ne sai niente?

  7. Traghettatore infernale, non dimenticarti che i tuoi amati esastellati sono stati e sono, sul fronte dei vaccini (= “acqua di fogna”) e delle vaccinazioni (letali), i peggiori e più luridi traditori/voltagabbana… figli di puttana impestati come ‘sti parassiti ballisti poltronari in effetti non se n’erano mai visti nel Parlamento itaGliano. Ed è tutto dire.

  8. a proposito di balle indegne:

    Un mediano e l’ottavo comandamento

    Stefano Montanari

    L’ottavo comandamento ereditato dai cristiani recita “non dire falsa testimonianza.” Il che significa che dire bugie dispiace al protagonista del primo comandamento.
    Naturalmente, ognuno può comportarsi come più gli aggrada, ma, per quanto mi riguarda, chi mente sarà magari anche un peccatore, ma è soprattutto un debole costretto a difendersi così.
    Il regime di cui siamo succubi, molti di noi entusiasticamente tali, prospera solo grazie alla menzogna, e un esempio tra i tanti è quello che si rifà al caso di Mauro Bellugi, settantenne un tempo calciatore di buone qualità tanto da aver giocato più di trenta partite in nazionale.
    Non svelo nulla di nuovo né di privato perché fu lui stesso a rendere pubblica la notizia: vuole la sorte che Bellugi, e con lui anche alcuni membri della famiglia, sia affetto da una condizione patologica autoimmune nota come Sindrome da Anticorpi Anti-fosfolipidi. In una varietà della malattia questi anticorpi attivano delle cellule appartenenti al sistema immunitario che inibiscono i meccanismi anticoagulanti e fibrinolitici causando trombosi venosa degli arti inferiori. Cose note.
    Sfortunatamente per lui, la trombosi gli ha colpito in maniera grave i piedi aggredendo le gambe, gambe che sono state amputate d’urgenza per evitare guai peggiori.
    Da vecchio atleta certamente non bravo come Bellugi ma che altrettanto certamente ha corso di più, non posso non immedesimarmi nella sua condizione provando una profonda simpatia per lui.
    E qui arriva il regime, avvoltoio impietoso e immorale come sa essere: era Covid.
    Ora, chiunque abbia qualche nozione di patologia non può non sapere che il virus c’entra quanto un’alopecia in una frattura della rotula, ma che importa? Bellugi è personaggio conosciuto e apprezzato da chiunque s’interessi di sport e, dunque, perché non approfittarne?
    Ecco, allora, che giornali, televisioni, radio e siti Internet s’impadroniscono di una fandonia disgustosa colta al volo come grassa occasione e la danno in pasto al popolo goloso di notizie sensazionali e sempre più ansioso di essere ogni giorno più schiavo.
    Per quanto mi riguarda, ritengo che la maggior parte dei cosiddetti giornalisti, spesso improvvisati, abbia agito secondo la buona fede della loro ignoranza, della loro pigrizia e della loro oggettiva incapacità di controllare le notizie. Non posso credere, però, che siano tutti così abissalmente analfabeti e, dunque, qualcuno tra loro si presta a fare da manutengolo al “progetto”. Canale 5, emittente alla quale non appongo aggettivi per educazione, è arrivato a far dire a Bellugi stesso, in un’intervista su cui è pietoso tacere, di essere vittima del Covid. E qui c’è davvero di che consigliare di disabilitare quel canale dal televisore di casa.
    Non tanto a stupirmi quanto a deludermi di più, però, c’è l’atteggiamento dei medici, soprattutto di quelli che hanno avuto e forse hanno ancora in cura l’ex calciatore. Da loro non una parola per smentire una panzana che ne mortifica quella che dovrebbe essere una vocazione e la cultura che pare abbiano barattato con altro.
    Arrivati a questo punto, io sfido chiunque a dimostrare che il Covid, così comodo e così gallina dalle uova d’oro per qualcuno, possa essere responsabile dell’amputazione delle gambe di chicchessia. Fosse così, si tratterebbe di una scoperta degna non solo di grande attenzione ma di stupore, una scoperta che, se fosse vera, i signori dottori si sarebbero precipitati a pubblicare, certi di trovare in un fiat una rivista disponibile senza battere ciglio. Ma tutti gli addetti ai lavori sanno di che si tratta e nessuno osa tentare la pubblicazione di qualcosa a quel livello di ridicolo perché anche le riviste mediche di regime hanno dei limiti, limiti che giornali, TV, radio e Internet non hanno.

  9. … nonché:

    Non fateci fare indigestione

    Di Stefano Montanari

    Un tempo, quando ero ragazzo, si diceva “è come parlare male di Garibaldi” quando si mettevano in dubbio le qualità di persone di valore, vero o presunto che quel valore fosse.
    Allora, a differenza di oggi, era ancora possibile esprimere la propria opinione secondo l’articolo 21 di una Costituzione ormai in articulo mortis dopo essere stata torturata. Oggi il mondo sta vivendo la più mortificante dittatura della storia dell’umanità, una dittatura senza confini geografici e senza confini morali. Oggi la menzogna più squallida è la sola “verità” e chiunque osi avanzare un dubbio viene censurato e rischia di pagarla cara.
    Per caso m’imbatto in un roboante articolo di regime che tratta della poliomielite e dei suoi vaccini. Senza che ce ne possiamo stupire, quei vaccini vengono santificati al suono della grancassa a dispetto dei casi di poliomielite che hanno provocato (vedi intervista con Mario Fiore su https://www.freehealthacademy.com/), delle epidemie di cui sono responsabili e dell’ingresso del virus cancerogeno SV40 che hanno introdotto nella popolazione umana.
    In quel testo (https://life.startupitalia.eu/72096-20200902-lafrica-e-libera-dalla-polio-selvaggia-intervista-a-manuela-valenti-responsabile-pediatria-di-emergency) in cui si cantano le lodi del vaccino in Africa si legge:
    “Nonostante l’enorme traguardo raggiunto resta ancora molto da fare, ancora, anche in Africa. Una volta raggiunta un’elevata copertura vaccinale tra i bambini, grazie alla somministrazione in tre dosi del vaccino antipolio orale (OPV), questo livello di copertura deve essere mantenuto, anche dopo che i paesi sono stati dichiarati indenni dalla poliomielite. Perché il virus può essere reintrodotto dai viaggi transfrontalieri e dall’esitazione intorno al vaccino.
    Inoltre in 16 paesi africani (tra cui, secondo l’OMS: Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Centrafricana e Angola) è ancora presente una forma di poliovirus derivato dal vaccino di tipo 2 (cVDPV2). In aree con una bassa immunità, tali ceppi continuano a rappresentare una minaccia e il rischio è amplificato dalle interruzioni della vaccinazione a causa del Covid-19, che hanno reso le comunità più vulnerabili alle epidemie di cVDPV2. “Nei vaccini attualmente impiegati, sono contenuti tutti e tre i ceppi del virus selvaggio, che quindi è stato neutralizzato” precisa Valenti. “Può capitare però, ed è normale nella storia naturale dei virus e delle vaccinazioni, che nascano piccoli focolai in alcuni paesi, che vengono dai virus attenutati contenuti nel vaccino. Si tratta di forme più leggere di polio, ma che devono essere ugualmente debellate”.
    Prescindendo da affermazioni a dir poco opinabili tra cui quella secondo la quale “Nei vaccini attualmente impiegati, sono contenuti tutti e tre i ceppi del virus selvaggio, che quindi è stato neutralizzato” dove quel “quindi” suona a vendita della Fontana di Trevi, c’è qualcosa che squalifica senza possibilità di appello tutto l’articolo. Secondo l’autrice del testo le epidemie palesemente provocate dal farmaco sono dovute (in aggravamento) all’interruzione dei richiami a causa del Covid-19. Come entri il Covid nella vicenda resta da illustrare.
    Con tutta la comprensione che si deve ad una signora che deve comunque lavorare (https://www.aboutpharma.com/blog/author/ctognacciniaboutpharma-com/) credo che sia indispensabile mettere un freno ad enormità del genere.
    Il Ministero della Salute italiano riporta ufficialmente quelle epidemie da molto prima che del Covid-19 si avesse traccia. Tanto per limitarmi a qualche esempio, il 25 gennaio 2019 il Ministero segnala un’epidemia in Mozambico (http://www.salute.gov.it/Malinf_Gestione/13-19.pdf). Il 31 luglio 2019 la segnalazione è per Nigeria, Congo, Angola, Repubblica Centrafricana e Corno d’Africa (http://www.salute.gov.it/Malinf_Gestione/74-19.pdf). L’8 agosto 2018 era la Nigeria (http://www.salute.gov.it/Malinf_Gestione/50-18.pdf). Anni prima, era il 1° settembre 2015, era la volta dell’Ucraina (http://www.salute.gov.it/Malinf_Gestione/68-15.pdf). Ma si potrebbe dare un’occhiata a ciò che è accaduto in India e, per chi avesse voglia d’indagare, un po’ dovunque.
    Senza voler infierire, non fosse altro che per evitare figure non propriamente brillanti, posso solo consigliare ai tanti ragazzotti di qualunque età che portano a casa la pagnotta facendo da lacchè e da tromboneschi scribacchini per i loro stessi vessatori di non raccontarle troppo grosse perché, così facendo, non fanno altro che dimostrare, pur senza che ce ne sia bisogno, su che cosa si regge il regime.

    1. svegliati e ricorda che Montanari, e’ ancora peggio dei parlamentari M5S
      perche per avere donazioni
      ha creato una marea di coglioni negazionisti
      che battagliano contro i covidioti

      per la serie
      puttanate contro puttanate
      di modo da decentrare le vere questioni e farle scomparire

      1. Caronte qualche volta ho preso le tue difese ma in questa discussione faresti meglio a tacere. I 5 stelle sono la feccia della politica italiana, insinuandosi come serpenti velenosi hanno supportato quello sporco sistema che dicevano di combattere,
        anche se PER CASO una rosa si fosse schiusa (e bada che parlo al condizionale) all’interno di quella latrina disgustosa non fa di quella “ritirata” un giardino.
        Tornando al tema trattato… recentemente avevo parlato di una strana moria di persone che anagraficamente non avevano nemmeno raggiunto l’età pensionabile, ebbene mi sono documentata: sono morti di cancro, non di coronavirus.
        Il fatto è comunque preoccupante, perché se improvvisamente da popolo longevo siamo diventati i più fragili, vuol dire che abbiamo commesso qualche errore, vi pare? I vaccini, di vari tipi, potrebbero essere una concausa ma anche l’alimentazione, le leggi non puniscono severamente chi produce alimenti sofisticati, spesso la passano liscia arricchendosi, a volte subiscono leggere sanzioni. Per chi mette a repentaglio la vita dei cittadini italiani ci vorrebbe la pena di morte, un deterrente efficacissimo.
        Poi c’è il sangue amaro che ci facciamo ogni giorno, non crediate che il fisico non ne risenta. L’ultimo anno è stato drammatico, credo che se non cambiamo registro la nostra salute sarà in serio pericolo.

        1. “Poi c’è il sangue amaro che ci facciamo ogni giorno, non crediate che il fisico non ne risenta” ah, ho capito. I morti da Covid sono stati causati anche dai partiti che non piacciono alla zanetti. Geniale. Semplicemente geniale. Letto su Topolino?

          1. Mi metti in bocca parole non mie. Non ho detto che è (solo) il governo a farci patire, sicuramente con tutto ciò che combinano hanno le loro colpe, ma i fattori di stress sono tanti. Il coronavirus non esiste, cambiare i nomi alle malattie crea solo una gran confusione.
            C’è la normale influenza, poi purtroppo gira il new dehli.
            Definire questi diversissimi virus covid19 è inesatto e fuorviante.

Lascia un commento