IMMIGRATO DEVASTA PRONTO SOCCORSO, STROZZA INFERMIERE: VIETATO ESPELLERLO

Condividi!

“Chiediamo l’espulsione immediata dell’immigrato nordafricano che ieri ha scatenato il caos nel pronto soccorso della Spezia, arrivando persino ad aggredire un medico, un infermiere e un oss in servizio”. Lo hanno dichiarato oggi i parlamentari spezzini della Lega Stefania Pucciarelli e Lorenzo Viviani.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Non è tollerabile – hanno aggiunto – che i nostri operatori sanitari, i quali già rischiano la loro salute nella lotta alla pandemia da coronavirus, diventino anche il bersaglio di queste violenze.

Lo straniero, in stato di ebbrezza e non nuovo a episodi di violenza, non ha soltanto spaccato i vetri di una porta e rovesciato una macchina del caffè, ma se l’è presa anche con un medico e un infermiere che hanno cercato di fermarlo.

Ad avere la peggio è stato però un oss che lo stava accompagnando nel reparto di Radiologia. Il migrante infatti lo ha preso per il collo cercando di strozzarlo e poi è scappato.

È un episodio di violenza inaccettabile, purtroppo non il primo che colpisce i nostri operatori sanitari. Per questo chiediamo con forza l’espulsione immediata dal nostro Paese dello straniero”.

L’immigrato, in stato di ubriachezza, ha scatenato un pandemonio nella sala d’attesa, spaccando i vetri di una porta e rovesciando la macchina per il caffè.

Tra i presenti nella saletta sono stati momenti di paura. Non solo, un medico e un infermiere hanno cercato di fermare l’uomo e quest’ultimo se l’è presa anche con loro. Ma l’episodio più grave sarebbe accaduto quando un oss che stava accompagnando lo straniero in Radiologia è stato aggredito. «Mi ha preso per il collo – racconta l’oss aggredito – Ho cercato di difendermi, ma avevo paura. L’uomo era molto alterato. Temevo avesse un coltello con sé».

Il nordafricano stava per essere portato in Radiologia in quanto lamentava un dolore al polso. Ma dopo aver aggredito l’oss, è fuggito. La polizia l’ha rincorso e durante la nottata l’avrebbe identificato. Si tratterebbe di una vecchia conoscenza, non nuova a episodi di violenza. Sottoposto all’alcoltest, nel sangue gli sarebbe stato riscontrato un tasso alcolemico due volte superiore a quello consentito dalla legge.

Spacca tutto, strozza infermiere e aggredisce chiunque. Recidivo. Ma era ancora in Italia. E’ vietato espellere i delinquenti.




Lascia un commento