Borghi da applausi: “Ve ne andrete come quelli che dopo aver rubato defecano al centro della stanza”

Condividi!

“Presidente Conte, lei se ne andrà quando la montagna di guano che è stata accumulata sotto il tappeto sarà così enorme da non poter essere più nascosta. Ve ne andrete come chi lascia la casa dopo averla occupata: dopo aver distrutto e rubato tutto, dopo aver defecato al centro della stanza”. Lo ha detto Claudio Borghi, della Lega, intervenendo in aula alla Camera dopo l’intervento del premier.




Un pensiero su “Borghi da applausi: “Ve ne andrete come quelli che dopo aver rubato defecano al centro della stanza””

  1. Non si può e non si deve aver compassione per chi uccide deliberatamente gli italiani!
    Non si smarcheranno come se niente fosse accaduto perché noi non li lasceremo andare!!! Salvini, un povero scemo, indagato per sequestro di persona e questi avvoltoi che si nutrono delle nostre carni non andranno via in punta di piedi!!
    Lo sapete a quanto vengono venduti gli appartamenti rubati a gli italiani che non riescono a far fronte alle spese di gestione, tra cui i grandissimi ladri di amministratori di condominio che sono autorizzati a vessare i cittadini per bene con richieste esose e TRUFFALDINE??? Vanno all’asta per 1.000 euro!
    Un piccolo gioiello stile decó ad un piano intermedio di un palazzo di design.
    Ribelliamoci ai furti di stato! Non permettiamo loro di SOTTRARCI quello che, con fatica nostra, o dei nostri avi, possediamo. Le richieste quando sono eccessive o illegittime si chiamano FURTI.

Lascia un commento