Scontri in Tunisia, centinaia di arresti: è allarme barconi

Condividi!

Prepararsi all’impatto senza un blocco navale.

Scontri in Tunisia,centinaia di arresti
Ancora una notte di disordini e scontri
tra gruppi di giovani e forze di sicu-
rezza in molte città tunisine,malgrado
il lockdown. Centinaia gli arresti,tra
cui molti minorenni, riportano i media.

I disordini hanno interessato tra le
altre località Cité Ettadhamen,sobborgo
popolare di Tunisi, Sidi Hassine, Sidi
Thabet,Sousse, Hammamet, Sfax, Monastir
e Tozeur. Le forze dell’ordine hanno
sequestrato a Sousse numerose bottiglie
molotov pronte all’uso, un bidone di
benzina e una spada. La situazione si è
poi lentamente normalizzata.




2 pensieri su “Scontri in Tunisia, centinaia di arresti: è allarme barconi”

  1. Ammazzateli tutti. Sono inutili e nocivi, oltrechè impossibili da raddrizzare con la ragione (essendo fanatici religiosi, fancazzisti, affamati e vogliosi di facili piaceri). Così fate pulizia prima da voi, anzichè spedirci qua da noi la vostra merda.

Lascia un commento