La UE vuole il passaporto per i vaccinati: così diffonderanno meglio il contagio

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Il presidente del Consiglio Ue Charles Michel è favorevole all’introduzione di una sorta di “passaporto vaccinale” che consentirà di tornare a viaggiare liberamente. “E’ un dibattito molto pertinente – chiarisce – e lo inizieremo la prossima settimana”, al Consiglio europeo del 21 gennaio. “E’ un tema delicato in molti Paesi ma va affrontato – precisa – e credo che ci stiano pensando anche fuori dall’Unione”.

L’idea di un certificato europeo per le persone vaccinate era stata lanciata dal premier greco Kyriakos Mitsotakis. Michel non nasconde però la difficoltà di un’operazione del genere. Un passaporto vaccinale potrebbe infatti essere visto come uno strumento per rendere i vaccini obbligatori, mentre molti Paesi vogliono mantenere la volontarietà, ha rilevato il leader belga. Allo stesso tempo, di fronte alla violenza della pandemia bisognerà fare “scelte coraggiose”, ha aggiunto.

Al dibattito non parteciperà la Gran Bretagna, ormai fuori dall’Ue. L’isola, al contrario, in questo momento è più blindata che mai dopo lo stop ai collegamenti con Portogallo e Sud America, per paura delle varianti brasiliane, e l’imposizione di test anti-Covid per i passeggeri in arrivo dagli altri Paesi. Inoltre, tutti coloro che arrivano nel Regno Unito potrebbero esser costretti a trascorrere un periodo di quarantena in appositi hotel, a loro spese: il governo sta valutando questa opzione.

L’idea dei ‘passaporti vaccinali’ è sia scientificamente stupida che discriminatoria. Stupida perché i vaccinati sono portatori del virus come tutti gli altri, visto che il vaccino Pfizer evita solo l’insorgere della malattia, non la sua trasmissione, quindi il movimento libero dei vaccinati rispetto metterebbe solo a rischio i non vaccinati che saranno la stragrande maggioranza almeno fino all’autunno. E qui veniamo alla discriminazione: al momento, e fino ai prossimi mesi, chi non è vaccinato non lo sarà perché non ci sono abbastanza vaccini, non perché li rifiuta.

Con questo non diciamo che i vaccini genici vadano bene, ma mettiamo solo in evidenza il fatto che non puoi discriminare in base ad una scelta che non è dell’individuo ma che dipende solo dalla mancanza di vaccini.




2 pensieri su “La UE vuole il passaporto per i vaccinati: così diffonderanno meglio il contagio”

Lascia un commento