Vaccino, Pfizer non invia più dosi in Italia. Arcuri: “Da lunedì 29% di dosi in meno”

Condividi!

Il commissario straordinario: “L’azienda ha comunicato unilateralmente che consegnerà al nostro Paese circa il 29 per cento di fiale di vaccino in meno rispetto alla pianificazione”

VERIFICA LA NOTIZIA

Pfizer ridurrà il numero di dosi di vaccino covid nella consegna della prossima settimana. “Alle 15,38 di oggi la Pfizer ha comunicato unilateralmente che a partire da lunedì consegnerà al nostro Paese circa il 29 per cento di fiale di vaccino in meno rispetto alla pianificazione che aveva condiviso con gli uffici del Commissario e, suo tramite, con le Regioni italiane”, sottolinea in una nota il commissario straordinario all’emergenza coronavirus Domenico Arcuri.

“Non solo: ha unilateralmente deciso in quali centri di somministrazione del nostro Paese ridurrà le fiale inviate e in quale misura. Analoga comunicazione è pervenuta a tutti i Paesi della Ue. La Pfizer ha altresì annunciato che non può prevedere se queste minori forniture proseguiranno anche nelle prossime settimane, né tantomeno in che misura”, aggiunge.

Arcuri “preso atto della gravità della comunicazione nonché della sua incredibile tempistica, ha inviato una formale risposta a Pfizer Italia, nella quale esprime il proprio disappunto, indica le possibili conseguenze di una riduzione delle forniture e chiede l’immediato ripristino delle quantità da distribuire nel nostro Paese. Riservandosi, in assenza di risposte, ogni eventuale azione conseguente in tutte le sedi”.




10 pensieri su “Vaccino, Pfizer non invia più dosi in Italia. Arcuri: “Da lunedì 29% di dosi in meno””

    1. Dopo la morte a seguito di vaccino Pfizer di almeno 23 vecchi in Norvegia e la vonseguente raccomandazione dell’autorità di non iniettare il “farmaco miracoloso” a carcasse già moribonde per non allarmare la popolazione, Pfizer, rallentando le consegne delle sue dosi, compromette di fatto la campagna di sterminio dei nostri anziani. Ricordiamo come l’AIFA ha deciso di rivelare le eventual reazioni avverse al vaccino solo con cadenza mensile, quindi per allietarci dei morti di vaccino italiani dovremo pazientare fino a fine mese di gennaio…

  1. Ogni tanto anche una buona notizia, dai. Ora resta da vedere in che modo riusciranno a escogitare un meccanismo per peggiorare ulteriormente la situazione (dal loro punto di vista, a migliorarla) rispetto a quella precedente. Non escludo che quello con Pfitzer sia l’ennesimo tassello di un lurido “gioco delle parti”. Per parte mia, la fiducia non è a zero, è sotto zero.

    P.S. Mi sto accorgendo che uso con preoccupante frequenza il lemma “lurido”. Significherà qualcosa?

  2. Questi vaccini non servono a niente, parliamoci chiaro. Una volta somministrata la prima dose ci vuole circa un mese per rendersi immuni al covid, e dopo 3-5 mesi si è di nuovo a rischio e bisogna ripetere le doppie iniezioni. Anche a raggiungere le 2 milioni di somministrazioni al mese (1 milione di vaccinati), entro 5 mesi non si raggiungerà neanche il 10% della popolazione, e poi si ricomincia.. Se ci aggiungiamo che il vaccinato forse è portatore sano di contagio, oltre alla percentuale di fallibilità del vaccino, si può facilmente dedurre che questa campagna sanitaria sarà un bluff clamoroso. Pfizer-Gates non sono stupidi, hanno già mangiato la foglia e si stanno tirando indietro.

  3. voi non avete capito che ci sono medici indagati perche hanno fatto il vaccino per primo ad i loro parenti ed amici

    poi ci sono altri medici che conservano uno spiraglio di lucidita mentale,
    e dubitano del vaccino
    con la notizia per cui le dosi scarseggiano vengono invogliati a fare il salto nel vuoto

  4. 😢😢 800.000 dosi di vaccino moderna sono andate distrutte per un guasto al congelatore, che tragedia! 400.000 cavie umane non potranno nell’immediato beneficiare della doppia dose riservata al bestiame al macello 😭😭😭! Ma poi, quando verranno divulgati in Italia i dati sugli effetti collaterali delle punturine? In tutto il mondo la gente ha reazioni brutte, e in Italia? Non sarà che da noi le notizie sugli incidenti di percorso, eventuali, vengono date solo con cadenza mensile e che dobbiamo aspettare la fine di gennaio perché l’AIFA ci ragguagli?

Lascia un commento