Vaccino, Crisanti: “Lockdown di 4 settimane perché sia efficace o genererà varianti resistenti”

Condividi!

Serve un lockdown “di 3-4 settimane” per una vaccinazione efficace contro il coronavirus. “In una situazione di trasmissione, vaccinare a rilento è un azzardo biologico”, dice il professor Andrea Crisanti, ospite di Piazzapulita. “Più il virus si trasmette, più genera mutazioni. Si realizza la possibilità che alcune mutazioni siano resistenti al vaccino. Idealmente, bisognerebbe fare un lockdown, abbassare la trasmissione e vaccinare più gente possibile”, afferma Crisanti analizzando il quadro della situazione. L’Italia ha avviato la campagna di vaccinazione da circa 20 giorni. Gli ultimi dati quotidiani fanno riferimento ad oltre 17mila nuovi casi. “Vedo un problema di comprensione biologica: bisognerebbe abbattere la trasmissione, non è mai accaduto nella storia che si vaccini mentre c’è trasmissione. Bisogna ridurre i numeri dei positivi, è l’unico modo per evitare che si generino varianti resistenti. Serve un lockdown di 2 mesi? Basterebbe un reset di 3-4 settimane e vaccinare più persone possibili”.




5 pensieri su “Vaccino, Crisanti: “Lockdown di 4 settimane perché sia efficace o genererà varianti resistenti””

  1. iniettare un vaccino del quale ci sono morti e paralisi di bell
    sul quale non esiste neanche una sperimetazione e nessuno conosce gli effetti sul lungo periodo
    per un virus che peraltro muta e quindi lo stesso vaccino perde di significato
    solo il braccio destro di un leghista quale e’ Zaia
    lo puo considerare qualcosa di ovvio e logico

  2. Una moria di medici e infermieri causa vaccino-karma? Va benone!!!
    Un fato avverso che si abbatte su chi ha soppresso anziani indifesi. Tié.
    A me i vecchietti piacciono e sto dalla loro parte.

  3. “A me i vecchietti piacciono e sto dalla loro parte.” ANCHE A ME. Quanto al lurido Crisant(em)i, a libro paga di Kill Gates e, tramite il “Governatore” kosherlegaiolo Proseccozaia, pure dei contribuenti veneti, auguro anche a lui (nonché ai suoi sponsor) “un fato avverso”. Al più presto.

Lascia un commento