Disperato avviso dei vertici militari americani ai soldati: “obbedite”

Condividi!

I vertici militari americani sentono il bisogno di avvisare i propri sottoposti che devono obbedire alle (nuove) autorità civili. Insomma, pare che come la polizia al Capidoglio, i militari non siano così intenzionati a fermare le milizie armate in marcia verso Washington, che programmano di circondare la Casa Bianca.




Vox

11 pensieri su “Disperato avviso dei vertici militari americani ai soldati: “obbedite””

    1. tutte queste notizie,
      servono solo a sbollentare la rabbia del popolo,
      di modo che sia piu facile da gestire.

      Una cosa e dire la verita ad un leghista,
      cioe che nei prossimi anni arriveranno decine di milioni di africani
      altra cosa e’ fargli credere che presto arrivera Salvini
      che rispedira a casa tutti gli africani e mettera in galera quelli del PD.

      Non illudiamoci che il QI medio del trampista,
      sia molto piu alto di quello del leghista
      a vedere come evolvono le cose, questi mi sembrano ancora piu stupidi dei leghisti

  1. Stando agli ultimi “leaks”

    ⁣Luca Da Rold

    L’Ordine Esecutivo numero 12148 ha creato la Federal Emergency Management Agency ( FEMA ).

    Ordine Esecutivo numero 12656 stabilisce che il Consiglio per la Sicurezza Nazionale sia l’organo preposto alla concessione di poteri straordinari.

    Ordine Esecutivo 10990 permette al governo di assumere il controllo di tutti i mezzi di trasporto, delle autostrade e dei porti.

    Ordine Esecutivo 10995 permette al governo di requisire e assumere il controllo dei media.

    Ordine Esecutivo 10997 permette al governo di assumere il controllo di tutte le centrali elettriche, del gas, del petrolio, dei combustibili e dei minerali.

    Ordine Esecutivo 10998 permette al governo di requisire e controllare tutte le fonti di approvvigionamento alimentare e le aziende agricole.

    Ordine Esecutivo 11000 permette al governo di organizzare civili in squadre di lavoro agli ordini del governo.

    Ordine Esecutivo 11001 permette al governo di avere funzioni di controllo in materia di salute, educazione e assistenza sociale.

    Ordine Esecutivo 11002 ordina che i vertici del Servizio Postale procedano alla schedatura di tutti i cittadini.

    Ordine Esecutivo 11003 permette il controllo sul traffico aereo, civile e commerciale.

    Ordine Esecutivo 11004 permette alle Autorità Demaniali di ordinare il trasferimento di intere comunità, di costruire nuove abitazioni con fondi pubblici, di ordinare che certe aree vengano abbandonate e di assegnare nuove aree di residenza per la popolazione.

    Ordine Esecutivo 11005 permette al governo di controllare ferrovie, vie fluviali e magazzini di stoccaggio.

    Ordine Esecutivo 11051 chiarisce le responsabilità dell’ Ufficio Pianificazione Emergenza e autorizza l’applicazione di tutti gli ordini esecutivi in caso di tensioni internazionali e crisi economiche o finanziarie.

    Ordine esecutivo 11310 assegna al Dipartimento della Giustizia l’autorità necessaria per applicare le disposizioni previste dagli Ordini Esecutivi, per costituire un supporto industriale, per creare connessioni tra organi giudiziari e legislativi, per controllare coloro privi di cittadinanza, per il funzionamento degli istituti di pena e correzionali, e per fungere da consigliere del Presidente.

    Ordine Esecutivo11049 assegna funzioni di preparazione alle emergenze a dipartimenti federali ed agenzie, confermando 21 Ordini Escutivi operativi emessi nel corso di 15 anni.

    Ordine Esecutivo 11921 attribuisce all’Agenzia Federale per la Gestione dell’ Emergenza il compito di preparare piani di controllo sui meccanismi produttivi e distributivi, sulle risorse energetiche, su paghe, salari, redditi e sui flussi monetari nelle istituzioni finanziarie degli Stati Uniti in caso di una non meglio definita emergenza. Recita anche che, qualora il Presidente dichiari lo stato di Emergenza, al Congresso sia permesso di rivedere tale decisione non prima di sei mesi.

    Quest’organo non viene eletto, non e’ soggetto a scrutinio pubblico, e dispone di un budget quasi segreto nell’ordine dei miliardi di dollari. Questa organizzazione governativa dispone di poteri superiori a quelli del Presidente degli Stati Uniti o del Congresso, ha il potere di sospendere l’efficacia delle leggi, di trasferire intere popolazioni, di arrestare e detenere cittadini senza un mandato e di trattenerli in assenza di processo, di confiscare proprietà, scorte di cibo, mezzi di trasporto e può persino sospendere la Costituzione.

    Il Pepevirus ha permesso la dichiarazione di emergenza nazionale e la conseguente assegnazione di pieni poteri alla FEMA.
    Operazione che consente di avere il controllo sui singoli stati, di istituire la legge marziale e per di più, per i prossimi sei mesi, priva tutti i membri del congresso dell’immunità.

    Si sì ….l’ha fatto proprio lui, Donald Trump! ……ha trasferito i poteri….

    Quel giorno ha salutato ringraziando di essere stato il Presidente degli Stati Uniti……

    Ah…prima aveva nazionalizzato la FED e tolto i finanziamenti all’OMS….

    Di quale cerimonia di investitura per Biden vogliamo parlare?

  2. Non parlo di questioni che non conosco a fondo, credo solo che non fossero poliziotti ma servizi segreti del nuovo porco quelli che hanno commesso l’omicidio al campidoglio.
    Tra vox e noi il divario si sta allargando, noi sempre più incazzati e loro sempre più servi. Non credo durerà a lungo.
    Se qualcuno conosce un sito giusto dove poterci riunire se crede lo segnali.
    Gli rimarrà igg e voceliberakippah a discutere, il primo riporterà virgolettati i concetti che l’altro espone: sarà un idilio.

  3. Un conto è dichiarare, meglio, fare senza nemmeno dichiararla, una guerra esterna, con popolazioni esterne, verso le quali a volte è stata alimentata l’avversione anche con accuse false, vedasi talebani implicati nell’11 settembre o le provette con antrace iracheno.
    Ben altro chiedere alle forze armate di arrestare, anche con la violenza, anche uccidendo i propri simili. Certo, alcuni venduti ci sono sempre, non citerò ben noti casi in cui manifestanti di destra persero la vita. Ma come per tutte le cose, un conto è farlo verso pochi ‘estremisti’ o presunti tali, altro è agire su masse di persone. Come può, filosoficamente, un democratico difensore dei diritti umani giustificare il massacro di un elevato numero di cittadini della propria nazione, anche se la pensano diversamente dalla vulgata democratica?
    Semplicemente non può. Certo, mi direte, ci sono molti estremisti, i cessi sociali in primis, i terroristi, i blm e le frattaglie delle minoranze che se ne fregano e si fregherebbero le mani nel veder uccidere, ed uccidere, i propri nemici, ma questi sono appunto micro minoranze, il grosso crede ai cosiddetti ‘diritti umani’ perché gli sembrano ‘giusti’ e non se si può uccidere, in casi estremi, uno o due, o forse tre, di sicuro massacrare qualche migliaio di persone, non rientra nel caso. Ecco allora si apre un bivio. O si cambiano le mentalità, ed i ‘diritti umani’, diventano qualcosa d’altro, come in parte riuscì a fare il protocristianesimo, a parole difensore degli umili e non violento, ma una volta cotto a puntino, e preso il potere, come ampiamente previsto dagli esponenti della cultura classica alcuni secoli prima, si diedero a perseguitare violentemente tutti gli oppositori. Il problema per ottenere questo però, è che ci vuole tempo. Serve molto tempo, di fatto cambiamenti generazionali, ossia i vecchi morti e sostituiti da giovani con altre idealità del giusto e dello sbagliato. Oppure, più rapido, bisogna introdurre in una società elementi che già non abbiano la mente marcita su cosa sia giusto e cosa sia sbagliato, gente che se li paghi, e gli dici di ammazzare, lo fanno senza porsi troppi domande, anzi, meglio ancora, se hanno anche motivi personali o di gruppo per farlo.
    Ecco perché introdurre quote di immigrati crescenti nelle forze armate occidentali era, ed è, una priorità nell’agenda di quei delinquenti al potere. Loro vi diranno che si tratterà di ‘inclusione’, altra parolina magica demenziale (ogni tanto ne inventano una), ma lo scopo ultimo è questo. Come per i barbari durante l’impero, disporre di soldati pronti a tutto e senza sentimentalismi o legami con i locali, senza vincoli di appartenenza con la classe dirigente o gli ideali politici, ma unicamente legati al sovrano, o, come direbbe Gramsci, al partito-principe. Sono modelli di potere vecchi di secoli o millenni, nulla di nuovo, ciò che sono nuovi sono gli strumenti tecnologici ed i numeri in gioco.

Lascia un commento