Allarme autorità sanitarie: “Ospedali verso il collasso”

Condividi!

Un governo totalmente inadeguato che dopo un anno non è stato in grado di fare nulla. Solo a chiudere.

Le Terapie Intensive occupate da pa-
zienti Covid tornano, a livello nazio-
nale,sopra la soglia d’allerta del 30%,
e si attestano al 31% rispetto a una
settimana fa.

Stesso incremento anche per i letti oc-
cupati in reparto da pazienti Covid,ora
al 37% e sotto la soglia d’allerta,40%.

Dieci Regioni superano però questa so-
glia critica, una in più rispetto al 6
gennaio. E’ quanto emerge dal monito-
raggio Agenas, Agenzia Nazionale per i
Servizi Sanitari Regionali.

“L’emergenza Covid non è finita,anzi,da
inizio anno i ricoveri nei nostri re-
parti sono cresciuti del 3% per aumen-
to dei contagi e,da quello che vediamo,
sono destinati a crescere”.E’ l’allarme
dei medici Internisti della Fadoi.

“Il Covid rischia di travolgerci di
nuovo,mettendo a dura prova il Servizio
sanitario nazionale.Accelerare sui vac-
cini, assunzioni, potenziamento delle
strutture e della sanità territoriale,
chiedono i medici. “Gli ospedali sono
pieni anche di pazienti non Covid, per
i quali non è più possibile rinviare”.




Vox

3 pensieri su “Allarme autorità sanitarie: “Ospedali verso il collasso””

  1. Con la valvola dei morti governo e regioni hanno il coltello dalla parte del manico: alla bisogna le vecchie carrette col piede nella fossa verranno stubate e i reparti si svuoteranno come d’incanto grazie ai solerti becchini. Alla fine il virus sarà sconfitto, quando tutti i deboli saranno morti o superstiti avranno raggiunto l’immunità di gregge. Servono un milione di morti subito o un paio sparpagliati in 5 anni. Meglio un milione subito, forza coronavirus, forza infermieri con le siringhe piene d’aria.

  2. “Servono un milione di morti subito o un paio sparpagliati in 5 anni. Meglio un milione subito, forza coronavirus, forza infermieri con le siringhe piene d’aria.” Ma spàrati tu (una bella pallottola in “piena” testa), pazzoide necrofilo!

Lascia un commento