Per il governo erano bambini e li abbiamo mantenuti: scoperte decine di falsi minori sbarcati in Italia

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Il fenomeno delle false dichiarazioni di identità e di età da parte di soggetti stranieri clandestini giunti in Italia e nella nostra provincia per garantirsi l’ottenimento ‘automatico’ del permesso di soggiorno, protezione ed accoglienza (che per legge viene garantita d’ufficio ai minori stranieri non accompagnati), assume oggi un rilievo importante ed oggettivo nei numeri diffusi dal Comune. Che completano quelli già in parte forniti la scorsa estate a seguito di una interrogazione consigliare e dopo la pubblicazione, da parte de La Pressa, del foglietto con le indicazioni dei luoghi in cui rivolgersi per trovare accoglienza trovato nelle tasche di un sedicente minore straniero abbandonato a Modena.

Sono 14 i soggetti identificati come maggiorenni, che avevano dichiarato di essere minorenni, accedendo a benefici ed accoglienza nelle strutture modenesi, denunciati nei giorni scorsi. Soggetti sedicenti minori che minori non erano, ma che sulla base delle loro false dichiarazioni hanno usufruito dei benefici e dell’accoglienza prevista per i minori gestita dagli enti locali con risorse nazionali.

Un fenomeno che aveva portato lo scorso anno all’accertamento di altre 23 truffe ai danni dello Stato. Non solo basate su false dichiarazioni rispetto all’età ma anche sul reale stato di abbandono. Le ultime 14 truffe accertate sono emerse a seguito di una attività di indagine congiunta tra Polizia di Stato e Locale, svolta anche con la collaborazione delle comunità di accoglienza in cui i giovani erano inseriti, sfociata il 5 gennaio scorso nella serie di denunce per truffa ai danni dello Stato e false dichiarazioni sulla propria identità. Tutti tunisini i 14 soggetti che si erano falsamente dichiarati minorenni per ottenere lo status di minore straniero non accompagnato con tutto ciò che ne consegue in termini di benefit ed accoglienza.

La vera identità e l’età (tra loro c’era anche un 23enne) è stata appurata attraverso le ricerche effettuate dall’Ufficio Immigrazione della Questura ottenendo dal Consolato della Tunisia un riscontro sulle esatte generalità.
Quattro dei 14 ragazzi sono stati rintracciati all’interno delle comunità di accoglienza e accompagnati dalla Polizia Locale presso la Questura di Modena: dopo i controlli di legge sono stati denunciati e nella stessa giornata per tre di loro, con diversi precedenti per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti, il Prefetto ha disposto l’espulsione dal territorio nazionale, che per uno si è anche risolta nell’immediato accompagnamento alla frontiera.

Gli altri dieci giovani non sono stati trovati perché si erano già spontaneamente allontanati dalle strutture di accoglienza, ma una volta rintracciati anche per loro si procederà penalmente per gli stessi reati di truffa ai danni dello Stato e di dichiarazione di false generalità.

Dall’età falsa ai falsi abbandoni: la realtà emersa dal 2019

Le truffe sull’identità dei minori (veri o presunti), stranieri finalizzata all’ottenimento di protezione ed accoglienza non riguardano solamente la falsa dichiarazione sull’età ma anche la falsa dichiarazione sullo stato di abbandono. Ovvero, minori che sono davvero tali ma che pur essendo stati accompagnati da figure di riferimento anche parentali presenti in Italia, vengono poi abbandonati, e fatti passare come ‘non accompagnati’. Una realtà drammatica venuta alla luce anche attraverso il progetto “Minori stranieri non accompagnati e legalità”, avviato in via sperimentare dal Comune di Modena nel 2019. Un progetto che si avvale anche del coinvolgimento della Procura dei minori di Bologna.

Nel 2019 le 12 attività delegate di indagine condotte dall’Ufficio di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale, in collaborazione con la Squadra Mobile della Questura, avevano fatto emergere che tutti i 12 minori coinvolti avevano simulato lo stato di abbandono, essendo presenti sul territorio familiari a cui in taluni casi hanno anche potuto essere riuniti.

Nel 2020 i risultati sono stati ancora più importanti: 26 sono state le attività d’indagine che hanno portato al deferimento all’Autorità giudiziaria di 23 minori per truffa ai danni dello Stato e per false dichiarazioni sull’identità personale.

In molti casi si è accertato che, in realtà, i minori erano stati accompagnati in Italia dai parenti, a volte dagli stessi genitori, per essere inseriti quali minori stranieri non accompagnati all’interno del sistema dell’accoglienza. In molti casi, parenti e figure di riferimento erano dunque residenti in Italia; gli accompagnatori sono stati a loro volta denunciati per concorso nella truffa ai danni dello Stato e per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e si è riusciti, in vari casi, ad affidare il minore al parente presente sul suolo nazionale.

Quello dei minori è un business fuori controllo inventato dal Pd per favorire le coop vicine al partito. Che poi finanziano chi ha concepito questo business:

La truffa dei finti minori, ci costano miliardi i figli degli immigrati




4 pensieri su “Per il governo erano bambini e li abbiamo mantenuti: scoperte decine di falsi minori sbarcati in Italia”

  1. ORA li hanno “scoperti”? E ora cosa dovremmo dire, dopo anni che i delinquenti al governo li hanno fatti entrare a iosa, nel miraggio di renderli “cittadini” per farsi votare e difendere da loro? E cosa dovremmo dire, dopo anni che denunziamo questa porcata e che ci sentiamo chiamare “complottisti sovranisti fascisti” dagli accoglioni a codazzo di questi politicanti infami? Chi pagherà per tutto questo? Tutti assolti, tutti ignari? Chi andrà finalmente in galera per tutto questo e per i crimini compiuti da molti di questi delinquenti sparsi per il paese proprio da questi traditori infami? Che siano deficienti, incapaci o inadeguati sarebbe poco e improprio: questi sono traditori e infami, perchè CONSAPEVOLI d’averli importati appositamente a questi fini.

  2. Vanno denunciate per danno erariale le coop di froci di sinistra vanno ripresi i soldi, ai negri fa fatto a spese dell onu, che deve farseli dare dai paesi dei negrimerda , per fare le analisi ed una volta che e’ bambino o adulto poiche’ negro ed abusivo deve essere rispedito a calci nei coglioni a casa della sboldracca che li mantenesse lei, bastardi

Lascia un commento