No al governo di ‘unità nazionale’ col PD: serve un governo sovranista per riprenderci l’Italia

Condividi!

Conte è ormai un ex premier:

Renzi licenzia Conte: lo sfiduceremo in Parlamento

Monti inizia il tam tam del governo di ‘unità nazionale’:

«Sarebbe stato auspicabile già per far fronte alla pandemia. Nella fase della ricostruzione lo sarà ancora di più», argomenta il professore bocconiano. In linea teorica il suo ragionamento non è sbagliato, dal momento che in riferimento alla «struttura economico-sociale del Paese» egli intravede una «fase costituente». E «le costituzioni – aggiunge – devono accogliere, in modo organico, il contributo di tutti». Non fa una grinza.

A maggior ragione se si pensa che, a differenza del 2011, «una maggioranza molto ampia, tendente all’unità nazionale, potrebbe anche rivelarsi meno difficile». Per un motivo molto semplice: i 209 miliardi del Recovery Fund. «Governo e Parlamento – ricorda Monti – avranno molte risorse da dare, cosa politicamente più gradevole che doverne togliere». E lui ne sa qualcosa. È anche per questo auspica un’unità nazionale «seria e rigorosa», nell’utilizzo di quei miliardi. «Altrimenti – avverte – la ricostruzione non avverrà. Oppure sarà ricostruzione della vecchia struttura, che anche prima della crisi pandemica non era capace di generare né crescita né equità».

C’è, invece, una opportunità diversa. L’unica non suicida per Lega e FdI. Perché chi di loro entrasse in un governo con la sinistra, magari coi grillini all’opposizione, firmerebbe il proprio suicidio.

L’alternativa è un governo sovranista Lega-FdI-M5s. La presenza di FdI permetterebbe lo scarico della componente di Fico e come sappiamo, i grillini sono alleati perfetti perché dicono di sì a tutto pur di non andare ad elezioni. Si riproporrebbe il governo con Salvini al Viminale ma ancora più a ‘destra’. Certo, per farlo ci vogliono i coglioni. Ma sarebbe da coglioni fare un governo con il Pd. Del resto diciamolo: Salvini ha fatto una cazzata a mollare i grillini, non perché sia un partito affidabile, ma perché pur di non votare diventa in pratica lo scendiletto di qualsiasi alleato che li fa stare al governo senza andare ad elezioni.

Un governo di cosiddetto ‘centrodestra’ non ha i voti. E poi non sarebbe auspicabile stare al governo coi fan dei neonati nigeriani. In questo Parlamento possono nascere solo altri due governi: e solo uno non prevede il Pd dentro. Le elezioni sono impossibili fino a che Mattarella ha la scusa della pandemia. Pensateci. Mettetelo spalle al muro.




5 pensieri su “No al governo di ‘unità nazionale’ col PD: serve un governo sovranista per riprenderci l’Italia”

  1. I governi tecnici li considero una BECERA ANOMALIA. In una democrazia è il popolo a scegliere chi mandare al governo.
    Per questo sostengo attivamente che l’Italia dovrà trasformarsi in una repubblica presidenziale dove PdR e Capo del governo sono la stessa persona.
    In quanto un PdR garante del popolo ma eletto dai parlamentari non sempre si è dimostrato superpartes. Anzi si è rivelato essere più il garante dei giochi di palazzo.

  2. > i grillini sono alleati perfetti perché dicono di sì
    > a tutto pur di non andare ad elezioni

    Magari anche no! Nel precedente governo con la Lega dicevano no a qualsiasi idea o proposta leghista, da cui l’impossibilità a governare.

    I cinque coglioni si devono proprio togliere dalle palle, e magari estinguersi. Sarebbe idelae che si estinguessero anche i pidioti, ma non credo che sarebbe possibile.

Lascia un commento