Toti esulta come un piddino per prima nata africana a Genova: “chi nasce in Liguria è ligure”, Lega:”No ius soli”

Condividi!

Dopo avere argomentato lo sterminio dei vecchi, da lui ritenuti inutili allo sforzo produttivo, il Toti ora passa all’elogio della sostituzione etnica. Le due cose stanno insieme.

Detto che, ovviamente, non si offende nessuno, Toti dimostra ancora una volta la sua natura di opportunista politico. Un forzitaliota che ha abbandonato la barca solo perché stava affondando. Un convinto sostenitore dello ius soli.

“Chi nasce in Liguria è ligure”. E’ la risposta del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti ai commenti di protesta pubblicati su Facebook dopo la pubblicazione della prima nata a Genova.
La foto della nigeriana nata all’ospedale San Martino di Genova alle 3,50 della scorsa notte, è stata oggetto, tra commenti buonisti e altri di cattivo gusto, di proteste da parte di chi vede la vera natura di queste nascite: sostituzione etnica.

Commenti che hanno spinto il presidente della Regione Liguria a chiarire il suo pensiero sul fatto che chi nasce in Liguria, anche da genitori immigrati, è a tutti gli effetti ligure. A cosa serve il PD quando i piddini sono ovunque, anche nella cosiddetta ‘opposizione’?

Chi pensa che l’immigrazione sia solo un problema di ordine pubblico dimostra di non avere compreso la vera natura della minaccia. Ovviamente, i commenti volgari sono stupidi, perché la colpa di quanto sta avvenendo non è colpa degli invasori. Ma di noi che ci lasciamo invadere eleggendo individui come Toti che si presentano come paladini dell’italianità ma che, in realtà, sono solo copie sbiadite della cosiddetta sinistra.

Se chi nasce in Liguria è ligure, allora le faine che nascono in un pollaio sono polli, non fa una piega. Una cosa è il ‘razzismo’, che ti porta a disprezzare l’altro, altra cosa è l’amore di sé che ti porta a distinguere la verità dalle scemenze propagandate da quelli come Toti: chi nasce in Italia non è italiano se figlio di immigrati, altrimenti se Toti fosse nato su una nave da crociera sarebbe il capitano di una nave.

E’ tempo che gli elettori esprimano rappresentanti che ne porti avanti le idee, non politicanti ex dame di compagnia di B. che vogliono educarli al non-pensiero della sinistra. La verità è che gene come Toti potrebbe stare senza problemi dall’una o dall’altra parte a seconda della propria convenienza. Li chiamano ‘moderati’, noi li chiamiamo in un altro modo.




9 pensieri su “Toti esulta come un piddino per prima nata africana a Genova: “chi nasce in Liguria è ligure”, Lega:”No ius soli””

  1. Beh bisogna anche dire che il Governatore della Liguria dalla sua legittima consorte non ha avuto figli, quindi da un lato ci sta che consideri “italiano” chiunque nasca in Italia. Poi lo sappiamo, è pur sempre un berlusconiano, che ha creato un movimento suo per prendere più voti possibile al fine di vincere di nuovo.

    Il discorso è quello, a quelli del centrodestra gli interessa solo sostituire la sinistra nelle amministrazioni locali, regionali e nazionale battendola alle elezioni, ma non gli interessa affatto sconfiggerla sul piano culturale. È inutile celebrare le sconfitte elettorali della sinistra se poi la sua “cultura” liberalprogressista è sempre quella dominante. Da mezzo secolo almeno la sinistra in Italia controlla tutti gli apparati dello Stato, la cultura e l’informazione. Un elemento che è degno di un regime totalitario.

    Quanto alla nascita del ne(g)retto che dire, potrà pure nascere in Liguria, crescere colà ed esprimersi col dialetto locale, ma i suoi geni parlano più di ogni altra cosa: è africano. Poi tra l’altro è figlio di nigeriani, quindi un potenziale terrorista o membro dei Black Axe.

Lascia un commento