Fallaci contro Toti: i loro figli sono la più grande minaccia al nostro futuro

Condividi!

C’è una destra che è la perfetta gemella della sinistra: vede l’individuo come entità astratta senza radici, come mero oggetto intercambiabile del meccanismo economico. Toti è un triste esemplare di questa ideologia mercatista. E’ quello che parlando di pandemia ha definito gli anziani come “inutili allo sforzo economico”. Per lui, è evidente, tutto è sacrificabile all’altare dell’economia: la vita e l’identità.

Ma non è il solo. C’è una componente della cosiddetta ‘destra’ che ragiona in questo modo. Che pensa sia un problema di ‘irregolari’: no. Che sia un problema di crimini: no. La più grande minaccia al nostro futuro è demografica. Le loro armi più minacciose sono i loro figli. Le loro caserme sono le sale parto.

A Toti facciamo rispondere da una donna di sinistra. Una sinistra non ancora mercatista. Non ancora svenduta all’idolatria dei ‘diritti umani’.

Per la Fallaci l’immigrazione è un’invasione demografica auspicata dai Paesi arabi e realizzata con la fattiva collaborazione delle istituzioni di Bruxelles. L’Eurabia è una realtà. Le nostre città contengono altre città ove vige la sharia. Gli amministratori hanno già rinunciato a far valere la legge italiana nei quartieri ove la presenza musulmana è massiccia. L’integrazione è impossibile e neppure desiderata da molti immigrati che non credono nello stile di vita e nell’ordinamento laico della democrazia liberale. Aver espresso queste opinioni sarà sufficiente per marchiare la Fallaci come razzista e xenofoba in nome del multiculturalismo e della retorica sui «diseredati».

La Fallaci fotografò in modo crudo ma perfetto questa minaccia nell’edizione francese de La Rabbia e l’Orgoglio: «Nell’Europa soggiogata il tema della fertilità islamica è un tabù che nessuno osa sfidare. Se ci provi, finisci dritto in tribunale per razzismo-xenofobia-blasfemia. Non a caso tra i capi d’accusa del processo che subii a Parigi v’era una frase (brutale, ne convengo, ma esatta) con cui m’ero tradotta in francese. Ils se multiplient comme les rats. Si riproducono come topi». Si riproducono come topi, Toti. Sono tra noi, ma non sono come noi.

Ciò non significa che dobbiamo disprezzare l’individuo diverso da noi. Ma che dobbiamo temere la molteplicità degli individui diversi da noi. Quella in corso non è immigrazione. E’ un’invasione di massa che minaccia la nostra identità. Quando a Brescia, Genova e in tanti altre città italiane o regioni come la Toscana, i primi nati sono tutti stranieri, significa che l’attacco è brutale. Al cuore della nostra stessa esistenza.

Ci si riprende da uno sterminio. Non ci si riprende dal meticciamento. Chiedete agli ebrei. Loro hanno superato Auschwitz. Ma fondando Israele hanno subito compreso che non avrebbero mai sopravvissuto una ‘integrazione’ con gli arabi.

Ricordate: la più grande minaccia per il sistema è che pensiate con la vostra testa.




9 pensieri su “Fallaci contro Toti: i loro figli sono la più grande minaccia al nostro futuro”

  1. L’avversione della Fallaci verso l’immigrazione islamica era assolutamente coerente con il suo essere progressista. Diversamente dagli altri, che invece stanno a 90 gradi con gli islamici, rispetto ai quali sono anni luce distanti sul piano culturale, molto più di noi che li avversiamo. Ad esempio, un conservatore come me, in teoria dovrebbe andare a braccetto con i musulmani, mentre invece i progressisti dovrebbero avversarli molto di più. La Fallaci era ostile alla presenza islamica in Europa perché per ella costituiva una minaccia per la decadente, libertina e nichilista società occidentale che lei difendeva, e con la quale io da conservatore non ci mi identifico.

    La sinistra su questo è in totale cortocircuito. Danno del “fascista” a chiunque non si allinea al pensiero liberalprogressista, ma non fanno lo stesso nei confronti dei musulmani, che sono arcaici e disconoscono il concetto di libertà individuale e di laicità dello Stato. Per i quali il Corano viene prima di ogni cosa. Anzi favoriscono il loro insediamento nel nostro territorio.

    Con questa destra, che non è assolutamente conservatrice, ma più o meno liberale, la sinistra non ha nulla da temere. Dominerà sempre incontrastata. Un conservatore non è tale solo sul piano valoriale e morale, ma anche dal punto identitario e biologico. Altrimenti non è né carne né pesce, come il centrodestra italiano appunto.

    1. I pericoli di una immigrazione islamica era anche il paravento delle destre in passato.
      Sicuramente una immigrazione islamica è la più pericolosa di tutte, ma ciò non deve eclissare quelle meno pericolose perché NON sono tanto innocue(come le gangs amerindie a Milano).

  2. se la Lega ha un merito e’ quello di aver isolato e radunato. tutti gli italiani piu stupidi.
    Sono circa 10 milioni piu altri 5-6 milioni delle altre forze di centro destra.

    Finche non ci liberiamo di questi idioti, nessun problema sarai mai risolto.

    Ora
    ad Auschwitz hanno eliminato circa 6 milioni di persone in 4 anni anni di tempo.
    Pero oggi abbiamo tecnologie piu sviluppate, e si possono raggiungere rendimenti molto piu elevati.

    Diamoci una mossa !!!!

  3. Ah certo dici bene! Ci liberiamo della sinistra kalergiana e della finta opposizione: i leghisti. Poi rimaniamo noi che, lima lima, siamo un centinaio, avremo il vantaggio di stare belli larghi e distanziati come voleva la “buon’anima” di conte.
    Sono tutti collusi col sistema, e noi, 3 gatti nostalgici di un Italia vera, rimaniamo arroccati nei castelli freddi, pieni di ragnatele, con i nostri ricordi struggenti di una vita piena di sole, luce, di quando respirava o a pieni polmoni l’aria profumata di salsedine e di fiori della riviera, quando eri libero di uscire perché ti andava di farlo e in strada c’erano solo connazionali.
    Un favore: ma lo dovete fare a voi stessi, non a me, non chiamate questa massa di farabutti DESTRA. Chiamatela come volete la marmaglia che cola grasso di partigiano, ma lasciate che almeno quella definizione rimanga immacolata, non lordiamo la memoria di chi ha dato la vita perché non accadesse quello che ora non siamo in grado di fronteggiare, anche per viltà.
    Totti è senza dubbio un porco, in un paese civile sarebbe stato costretto a chiedere le dimissioni dopo aver proferito il concetto infelice degli anziani italiani da sopprimere, ma lui sa che la sinistra appoggia chi fa certi discorsi e per rimanere col suo laido culo su quella poltrona metterebbe la madre nel calderone… insieme alle nostre se hanno più di 65 anni. Opss concide con la pensione… che strano!

    1. Ah ecco, dimenticavo di dire che il comico che fa parodie chiamandoli “fratelli” ha specificato ieri sera che il tipo in questione, ha rifatto il giochetto dei malati giovani, probabilmente i suoi amati negri, infiltrati nei tessuti delle rsa in modo da incentivare i contagi. Ditemi se questo, dopo quello che era già accaduto nella prima ondata, è ancora ammissibile! DOVE SIETE TOGHE DI MERDA?

      1. la finta opposizione la fa Salvini e Meloni

        il vero problema sono quella marea di mentecatti che li votano
        e sono secoli che vengono presi per culo

        Questi sono peggio degli africani , perche almeno questi ultimi non hanno diritto di voto.

Lascia un commento