Vaccino Pfizer: medico-sindaco, “non me lo inietterei”

Condividi!

“I medici ospedalieri dipendenti da un’azienda sanitaria che si fanno vaccinare sotto gli occhi del loro ‘padrone’ politico e attorniati da fotografi mi sembrano le comparse di una recita. Se il vaccino è così sicuro perché non è il politico a dare il buon esempio?”. Parole di Riccardo Szumski, sindaco a capo di una giunta sostenuta da una lista civica a Santa Lucia di Piave (Treviso) e medico di base nello stesso comune.

Si dice “molto perplesso” rispetto alle basi scientifiche che hanno portato alla produzione del vaccino in consegna da ieri in tutta Italia”. Il numero di soggetti sui quali è stata compiuta la sperimentazione, spiega, sarebbe troppo ridotto e “io in questo momento – aggiunge Szumski – non lo inietterei su me stesso”.




42 pensieri su “Vaccino Pfizer: medico-sindaco, “non me lo inietterei””

  1. Perplessità assolutamente lecite. Ho come l’impressione che a tanti volti noti hanno iniettato un falso vaccino. Quello vero, ovvero quello tossico, lo inietteranno al resto della popolazione.

      1. Sarebbe bello vederne uno stramazzare in diretta a pochi minuti dall’iniezione come l’infermiera del Tennessee… un successone di pubbliche relazioni, anche meglio di Zingaretti che si piglia il coviddi facendo lo sbruffone sui navigli. A proposito, sono poi arrivate le utilissime mascherine che ha pagato in anticipo? Se no, qualche magistrato gliene ha chiesto conto? Se no perchè?
        Sai che molte ipotesi “complottiste” sono poi risultate essere sostanzialmente corrette? Immagina un asinello, con il paraocchi vede solo una irraggiungibile carota davanti al naso e quando desiste dal trainare il carretto sente qualcosa colpirlo sulla schiena. Se cominciasse a sospettare che qualquadra non cosa, sarebbe complottista? Davvero, un po di sano complottismo non guasta.

        1. “Davvero, un po di sano complottismo non guasta” grazie ma mi basta la semplice realtà. “Ho come l’impressione che a tanti volti noti hanno iniettato un falso vaccino” attendo ancora notizie in merito…

  2. Ci dovremmo chiedere il perché di questa fretta. Perché prima di inoculare il siero non debbano fare un esame per stabilire se si è già immuni. In questo caso non solo non servirebbe ma si rischierebbe inutilmente essendo già al sicuro. D’altronde se si è malati (ma senza sintomi) e non si è fatto il tampone potrebbe essere non solo inutile il vaccino ma anche dannoso.
    Insomma in passato prima di fare qualsiasi cosa, si facevano degli accertamenti, ora tutta questa foga puzza moltissimo, non si bada che uno abbia reazioni avverse, nulla.
    Allora o avevo ragione quando ho ipotizzato che fosse acqua e volessero truffarci rubando i miliardi che ci metteranno in conto o vogliono ucciderci e non gli frega un c.

    1. Ma noi ce la chiediamo: e ci diamo pure le risposte. Il problema sono gli innocentisti nutriti a via di “ssssiensah” e di irridenza (o peggio) verso chi dubita del fatto che a questo mondo siamo tutti onesti e altruisti, com’è tipico del sinistronzo.

    2. “Perché prima di inoculare il siero non debbano fare un esame per stabilire se si è già immuni. In questo caso non solo non servirebbe ma si rischierebbe inutilmente essendo già al sicuro” in realtà gli anticorpi sviluppati per aver contratto il coronavirus non sono eterni, anzi non durano neanche molto, forse 6 mesi, probabilmente meno. Quindi non sei proprio al sicuro. “ora tutta questa foga puzza moltissimo” già, perché avere fretta con una pandemia di proporzioni globali che sta colpendo economie e società mondiali? Ci deve essere qualcosa sotto! “non si bada che uno abbia reazioni avverse” peccato che tutti i vaccini hanno reazioni avverse. Come i farmaci. Sicuramente per te è una novità ma è sempre funzionato così.”Allora o avevo ragione quando ho ipotizzato che fosse acqua e volessero truffarci rubando i miliardi che ci metteranno in conto” più semplice: è un complotto degli alieni…

      1. Non la pandemia, ma la sua gestione sta colpendo economie e società mondiali, questo non è vaiolo o peste bubbonica. A meno che “qualcuno” sappia “qualcosa” su questo virus che non ci è stato detto, la reazione è disastrosa perchè eccessiva, ma nel caso fosse, sarebbe ancora più disastrosa perchè approssimativa. Quindi sì, la foga puzza, come puzza la battaglia politica e commerciale, la segretezza sui dati clinici e sui contratti di fornitura, la smania di controllo e coercizione, e praticamente ogni aspetto di questa faccenda. Vedo che sei al corrente del fatto che tutti i vaccini hanno reazioni avverse, infatti (come per tutti i farmaci) è una questione di calcolo dei rischi e benefici. Poco rischio per grande beneficio va bene, qui abbiamo considerevole rischio per dubbio beneficio, anche solo rimanendo nel campo della salute. Poi ci sono anche tutte le altre considerazioni più “politiche” ad aggiungere motivi di perplessità.

        1. “Non la pandemia, ma la sua gestione sta colpendo economie e società mondiali, questo non è vaiolo o peste bubbonica” e tu come la gestisci una pandemia? Sperando che passi? “la reazione è disastrosa perchè eccessiva” appunto, speriamo che passi. “come puzza la battaglia politica” in concreto? “la smania di controllo e coercizione” in concreto? “Vedo che sei al corrente del fatto che tutti i vaccini hanno reazioni avverse,” non sono io a scoprilo in questi giorni. “è una questione di calcolo dei rischi e benefici” almeno una cosa su cui si riesce a concordare. “qui abbiamo considerevole rischio per dubbio beneficio” l’efficacia è provata e il considerevole rischio di cui parli quale sarebbe? La febbre?

      2. Per quanto riguarda il vaccino invece, tu sei certo che l’efficacia duri più di 6 mesi? Il premio nobel allora va a te non a vox, perché, di questo siero, come di tutti gli altri che hanno paternità diverse, non sappiamo un bel niente.
        Guarda, io vado cauta a dare giudizi in genere e dubito di tutto, considero la questione, qualsiasi essa sia, da ogni angolazione e spesso mi metto nei panni altrui per averne di nuove, ma dichiarare oggi che i benefici del pfzer durano più di 6 mesi…o sei un boccalone o sei “finto”.
        Io credo più che tu sia un personaggio uscito dalla tastiera di vox.

        1. “Per quanto riguarda il vaccino invece, tu sei certo che l’efficacia duri più di 6 mesi?” dal sito Aifa “La durata della protezione non è ancora definita con certezza perché il periodo di osservazione è stato necessariamente di pochi mesi, ma le conoscenze sugli altri tipi di coronavirus indicano che la protezione dovrebbe essere di almeno 9-12 mesi.” “Il premio nobel allora va a te non a vox, perché, di questo siero, come di tutti gli altri che hanno paternità diverse, non sappiamo un bel niente” sei hai dei dubbi ci sono le faq dell’Aifa. “ma dichiarare oggi che i benefici del pfzer durano più di 6 mesi…o sei un boccalone o sei “finto”.” semplicemente mi informo correttamente. Tutto qui.

    1. “la manina in tv per chiedere esami di approfondimento” ecco i risultati della pseudo-medicina in tv. Grazie al cielo chi deve decidere a livello tecnico non va in tv (virologi a parte) e non deve giustificare le sue scelte al pubblico di un talk show.

        1. Ma sai, l’aids è frutto di “scelte personali”… Guarda caso, “pare” che nel virus in questione ci siano tracce di inserti di hiv… L’ha detto Montaigner: che pertanto diventa un coglione rimbambito, da nobel che era.

      1. Peccato che tu sia così ottuso e limitato da non comprendere che stavo sottolineando che i giornalisti (sono gli unici che abbiano l’abitudine di alzare la mano quando vogliono intervenire in una discussione) non fanno certe domande, che a me paiono lecite, perché sono in genere collusi con la dittatura. Si è venuto a creare, non so per quale motivo, un clima di terrore da chi detiene la ragione. Al terrore, quello vero, assisteremo quando il popolo si sarà rotto i co@lioni!

    1. E se lo dice il medico-sindaco di Santa Lucia di Piave siamo apposto: la prima presunta obiezione “Se il vaccino è così sicuro perché non è il politico a dare il buon esempio?” a parte le decine di politici (Pence, Biden, Putin, il premier ceco, e tutti quelli a venire) questa non è una considerazione medica ma al più politico-populista. “Il numero di soggetti sui quali è stata compiuta la sperimentazione, spiega, sarebbe troppo ridotto” e lui è certamente più autorevole di Fda, agenzia del farmaco europea e quelle dei singoli stati membri. Siamo fortunati ad avere personaggi di tale competenza (medico di base…) che illuminano noi poveri ignoranti che danno retta a quelli competenti…

      1. Mettila come vuoi, semplicemente NON ci fidiamo affatto.
        Vedi, puoi controbattere con ogni dato possibile ma restiamo fermi su questo punto ed anzi, più blasonate ed importanti le organizzazioni e le istituzioni che lo sponsorizzano, più la cosa puzza.
        Ora parlo x me, credo sia ora di ascoltare quelli con lo scolapasta in testa come li definisci tu.Per me esiste una cospirazione globale, NON credo al virus, NON mi fido dei medici e x quanto ne so potrebbero essere gli alieni…tutto più credibile dell’elite globalista.
        Fatti pure 2 risate, i veri pazzi x me sono quelli che non credono al complotto.

Lascia un commento